Machiko: professione Predatrix

Machiko secondo Dave Dorman

È una delle più grandi eroine dell’universo alieno espanso eppure gode di una fama decisamente inferiore al suo potenziale: paradossalmente è più nota Amanda Ripley, che è un personaggio di levatura drasticamente inferiore.
Sto parlando di Machiko Noguchi, di cui sono perdutamente innamorato dall’età di 18 anni…

Cover di Phill Norwood

Annunciata già dal novembre 1989 sulle pagine di “Dark Horse Presents” (nn. 34-36), nel giugno del 1990 inizia la saga che cambierà per sempre il mondo alieno: Aliens vs Predator di Randy Stradley.

Incontriamo Machiko che dirige “Prosperity Bells”, una colonia agricola sul pianeta Ryushi, «ai margini dei possedimenti della Chigusa Corporation, nel sistema Beta Cygni», come recita una didascalia che verrà cancellata nelle ristampe successive. La Weyland-Yutani ancora non è “famosa” nell’universo alieno come lo sarà in seguito, quindi qui a comandare è la Chigusa. Inoltre c’è una particolarità: sia Machiko sia gli altri dirigenti sono giapponesi, mentre gli agricoltori e allevatori che dirige sono americani. E non è un caso.

Il 28 settembre 1989 la il gigante giapponese dell’elettronica Sony acquista il gruppo americano Columbia, scatenando un terremoto mediatico: in ogni dove nasce l’idea dell’invasione giapponese e sembrano avverarsi quegli scenari apocalittici che la narrativa fantascientifica aveva immaginato negli anni Ottanta, con i loro futuri pieni di occhi a mandorla. Non stupisce quindi che nell’universo alieno, dov’era già presente quel nome giapponesizzante “Yutani”, possa esserci la figura di dirigente fredda e determinata, discendente di una nobile famiglia giapponese.

La prima apparizione di Machiko Noguchi. (disegni di Phill Norwood). Dall’alto:
uscita originale (giugno 1990), italiana (1992) e Omnibus (maggio 2007)

Al momento di scrivere la novelization del fumetto, la scrittrice S.D. Perry così presenta il personaggio:

«Quando si era presentata l’occasione non aveva esitato. Aveva solo 29 anni e già le era stato offerto un posto di supervisione alla Chigusa Corporation.»

Nell’aprile del 1994 dunque abbiamo un’età precisa a Machiko, 29 anni, e sappiamo che è una donna che prende molto sul serio il suo lavoro, dimenticandosi però che un supervisore non deve solo supervisionare, deve mantenere i rapporti con i sottoposti, e questo lei l’ha dimenticato.
Il suo amico e predecessore Hiroki la mette in guardia, la avverte che deve smetterla di fare la burocrate in un ufficio e deve scendere in mezzo ai coloni, altrimenti con loro sarà guerra aperta.

Machiko e il suo look futuristico anni ‘Novanta. (Disegni di Phill Norwood).
Da sinistra: uscita originale (giugno 1990), italiana (1992) e Omnibus (maggio 2007)

«Il mio lavoro… la mia vita fino a quel punto era formata da orari e numeri, e rapporti trimestrali. Era una vita pienamente soddisfacente, o almeno così credevo. Guardando quel tramonto, quella sera, mi resi conto di quanto mi ero persa.»

Proprio quando Machiko inizia a cambiare atteggiamento e a farsi ben volere dai coloni, arriva il “contagio” alieno: Ryushi viene scelto dai Predator come territorio di caccia quindi vi mandano delle uova aliene a schiudersi, così da avere xenomorfi belli freschi per i loro riti di passaggio venatori.
Mentre i coloni muoiono malgrado i loro sforzi di arginare il pericolo, al contrario di tutti Machiko è una guerriera… e questo è il momento di dimostrarlo.

Machiko in azione!

Non sarà facile affrontare l’invasione ma sarà aiutata in questo da un Predator che i coloni avevano trovato tramortito: ha una dente spezzato, quindi lo chiamano Broken Tusk. Quando poi S.D. Perry scrive il suo romanzo, Aliens vs Predator: Prey, si inventa di sana pianta tutta una cultura – compreso il termine Yautja – e il personaggio viene chiamato, in linguaggio yautja, Dachande.

Le tre razze, disegnate da Phill Norwood

Machiko e Broken Tusk fermano sia gli alieni che i Predator, ma solo la donna sopravvive: prima di morire, lo Yautja la “battezza” guerriera incidendole il marchio del proprio clan sulla fronte con del sangue acido alieno.

La scena verrà ripresa da Poul W.S. Anderson nel film del 2004, solo vagamente ispirato a questo fumetto: AVP. Alien vs Predator.

Machiko secondo Chris Warner

«So che la gente di Broken Tusk tornerà, un giorno, con una nuova infornata di alieni. Allora magari… potrò andare a caccia.»

Questa è la mia traduzione dall’originale, perché la versione italiana di Claudio Bispuri scrive «la gente del mio amico»: cioè evita di citare (e tradurre) il nome Broken Tusk.
Come si vede dalla scritta in basso a destra, questa è la FINE della storia… finché qualcuno ha deciso che no, non lo è…

Epilogo posteriore della vicenda di Alien vs Predator

Il successo è vasto e così Stradley decide di continuare ad utilizzare il personaggio di Machiko. Nel gennaio 1992 appare sulla rivista gratuita “Dark Horse Insider” – pubblicazione divulgativa da fumetteria – la prima puntata di una storia che si svilupperà, fino al febbraio 1993, come “paginone centrale” della rivista.

Machiko secondo Chris Warner, in una versione colorata per War (1995)

Con Aliens vs Predator II Stradley e Chris Warner continuano la vicenda e ci mostrano altri Predator a caccia di alieni, ma stavolta fra di loro ce n’è uno molto particolare: è una donna umana.

Il rapporto non è buono, con i compagni di caccia, e anzi Machiko dovrà affrontare più d’un problema mortale, superandolo brillantemente ma nessuno sembra apprezzarlo: sopravvive ad una Regina Aliena e fa cose incredibili, ma gli altri Predator la tollerano a malapena: non comincia bene questa sua nuova vita.

La storia viene raccolta in volume nel maggio 1995 e colorata per l’occasione da James Sinclair: il tutto come numero zero della saga Aliens vs Predator: War, che è il nome scelto invece di un semplice “2”.
Però nel frattempo è successo qualcosa di davvero strano.

Machiko secondo Nelson DeCastro

Nell’aprile 1994, come visto, S.D. Perry presenta il suo romanzo Prey che, sebbene sia la fedele novelization-fotocopia di Aliens vs Predator, non finisce come il fumetto del 1990: l’autrice aggiunge un ultimo capitolo in cui Machiko, dopo due anni di attesa sul pianeta deserto, accoglie alcuni Predator che sbarcano e riesce ad entrare nel loro clan. In pratica scrive un breve testo di raccordo fra le prime due parti della saga a fumetti.
Però poi nel dicembre dello stesso anno David Bischoff presenta il primo romanzo inedito dell’universo alieno, Aliens vs Predator: Hunter’s Planet, che si apre proprio raccontando la prima caccia di Machiko con il suo nuovo clan: cioè la storia a fumetti di Randy Stradley uscita a puntate nel 1992.

Machiko secondo John Bolton

Passano gli anni e forse S.D. Perry non ha notato che il suo collega Bischoff ha usato quella storia, così lei – novellizzando la seconda parte della saga di Machiko – va a capo chino ed usa la prima caccia della donna per aprire Aliens vs Predator. War, del dicembre 1999.

Quindi la stessa storia a puntate di Randy Stradley apparsa in due fumetti ha conosciuto ben tre versioni romanzate.

Torniamo a quel maggio 1995. Continuando a costruire un vasto universo narrativo, la Dark Horse fa sbarcare in War i personaggi superstiti della saga Berserker (gennaio 1995). Isolata dagli altri guerrieri Yautja, Machiko decide di aiutare questi superstiti umani e dirotta l’astronave dei Predator per correre in loro soccorso, liberando però così una Regina Aliena e dando vita ad una battaglia incredibile, dove si scontrano umani, Predator, alieni, androidi e pure l’armatura Berserker!

In mezzo alla confusione, la nostra eroina ha il tempo per riflettere sulla sua nuova vita, che non si sta rivelando come il finale di Aliens vs Predator aveva aveva lasciato supporre: l’unico suo futuro sembra essere quello di tornare fra gli umani.

E poi cosa? Tornare nella Compagnia, ad una vita senza vita, a cinquanta ore di lavoro a settimana dietro una scrivania senza nessuno con cui parlare? Per un po’ di emozione puoi dedicarti alla caccia sportiva, fine settimana passati davanti ad un simulatore a sparare ad uno schermo… Mentre la guerriera dentro di te lentamente si offusca e svanisce, lasciandoti una fra milioni, una donna sola che segna il tempo mentre la sua volontà svanisce. Il tuo battesimo del sangue non varrà più nulla, sarà una brutta ferita proveniente da una vita passata. Niente più cacce, Machiko: quale sarà il tuo onore…

(da Aliens vs Predator: War di S.D. Perry)

Malgrado i rimpianti, la nuova vita di Machiko è finita: ha scelto di tornare fra gli umani e ha rinunciato ai Predator: proprio come aveva fatto nel romanzo citato (reso purtroppo apocrifo) Hunter’s Planet.

Modellino NECA di Machiko del novembre 2007

In quest’ultimo infatti il personaggio viene presentato già tornato fra gli umani, dopo aver passato senza successo del tempo con i Predator:

La guerriera era annoiata.
In lei vivevano memorie di passate battaglie come monumenti di sangue d’un tempo in cui era stata davvero viva.
Un tempo di pericolo, di nobiltà…
E sì, di onore.
Era stata una persona differente, all’epoca.
Ryushi l’aveva cambiata. Il suo tempo con il clan yautja l’aveva cambiata. Entrambi per il meglio, pensò. Alla radice della propria anima, prima, c’era stata vergogna. Suo padre aveva sparso vergogna sulla sua famiglia, a Kyoto, con uno scandalo per appropriazione addebita dalla propria compagnia e una scappatoia da codardi come il suicidio prima di essere arrestato. «Tu sei la mia carna, Machiko», aveva detto. «Devi riabilitare l’onore della famiglia.»
E poi il sangue era schizzato fuori.
Machiko Noguchi aveva provato l’onore quando gli alieni avevano invaso la città di Prosperity Wells, combattendo al fianco di Dachande e i suoi guerrieri. Quando si era unita al clan era letteralmente diventata onore. Ma poi, in seguito, la sua umanità l’aveva richiamata a sé, in quel pianeta minerario, ed aveva lottato contro il clan per salvare la sua radice umana, il che significava tradire il suo posto nel clan. Ed ora, ritornata nella società civile, aveva perso il suo senso dell’onore, dedicandosi al tran tran quotidiano.
E sì, diventando un po’ amareggiata.

(da Aliens vs Predator: Hunter’s Planet di David Bischoff)

La filosofia di questa Machiko pre-War è straordinariamente simile, segno che il personaggio proprio non lo si vuol lasciare a vivere fra i Predator.
Purtroppo Bischoff ci regala una Machiko che dopo Aliens vs Predator non aspetta affatto l’arrivo dei Predator e non si unisce a loro: torna nella Chigusa Corporation a fare la passa-carte. Comprensibilmente insoddisfatta e con una guerriera che preme per uscire, coglie al volo l’offerta di lavoro del riccone Livermore Evanston: alcuni Predator stanno facendo casini nell’enorme parco dei divertimenti che è Hunter’s Planet, riserva di caccia per ricconi, e visto che Machiko ben conosce quella razza potrà gestirla. In realtà il resto è una semplice indagine della “Machiko in giallo”.

Modellino Hot Toys 2010

Ripeto, questo romanzo – il primo inedito dell’universo alieno – è stato immediatamente reso apocrifo sia dai fumetti che da altri romanzi della stessa identica serie. Il perché, rimarrà per sempre un mistero.

Modellino Eaglemoss di Machiko del novembre 2018

La battaglia finale di Machiko, War, si completa nell’agosto 1995 a fumetti e nel dicembre 1999 in forma di romanzo. Dagli umani è passata ai Predator per poi ripensarci e tornare fra gli umani. Ci rimarrà?

Di una cosa siamo sicuri: per scomodare Machiko… c’è bisogno di una titanica invasione di Predator… E questa arriva!

«Che la distruzione abbia inizio, liberate i mastini della guerra!» (Star Trek VI)

Nel gennaio del 2010 Randy Stradley torna a parlarci della sua Machiko con la saga Aliens vs Predator: Three World War.

Caparis VII, pianetino minerario della Chigusa Corp da qualche parte a sinistra di Alpha Centauri. Qui un brutto giorno sbarca un’astronave piena di Predator con i loro “mastini della guerra”: xenomorfi addestrati al guinzaglio. Quello che ne segue è un massacro umano. I Colonial Marines devono intervenire ma sarebbe opportuno chiedere l’intervento dell’unica persona nell’universo che abbia un canale comunicativo aperto con i Predator: la nostra eroina.
La violenza dei Predator ribelli è però un pericolo per tutti, e alla fine Machiko accetta di tornare in gioco. Anzi… nel big game.

Machiko di nuovo sulla cresta dell’onda

Non è facile tornare in mezzo ai Predator e farsi accettare: servirà una prova di forza che dimostrerà quanto la nostra predatrix non abbia perso il suo smalto.

«Don’t you know you’re riding with the king?»

L’avventura sarà dura e il prezzo da pagare per Machiko sarà alto, e malgrado questa momentanea alleanza non sembra più esserci spazio per un ritorno fra i Predator: l’epopea della predatrix sembra chiusa. Speriamo solo per il momento…

Quanto di tutto questo è arrivato in Italia? Quasi niente: solo il fumetto Aliens vs Predator è stato tradotto nei primi anni Novanta e mai più ristampato: tutto il resto è del tutto ignoto ai fan italiani, ed è davvero un peccato.


Riassunto delle apparizioni di Machiko

1990-06 Aliens vs Predator Randy Stradley fumetto originale PlayPress 1992
1992-01 Aliens vs Predator II Randy Stradley fumetto originale inedito
in Italia
1994-04 Aliens vs Predator: Prey S.D. Perry romanzo novelization inedito
in Italia
1994-12 Aliens vs Predator: Hunter’s Planet David Bischoff romanzo originale inedito
in Italia
1995-05 Aliens vs Predator: War Randy Stradley fumetto originale inedito
in Italia
1999-12 Aliens vs Predator: War S.D. Perry romanzo novelization inedito
in Italia
2010-01 Aliens vs Predator:
Three World War
Randy Stradley fumetto originale inedito
in Italia

Chiudo mostrano le titanicamente divine illustrazioni di Raymond Swanland per le copertine di quest’ultima saga a fumetti: bei tempi quando la nostra eroina aveva l’onore della cover.

Cover di Raymond Swanland

Cover di Raymond Swanland

Cover di Raymond Swanland

L.

– Ultimi post simili:

16 pensieri su “Machiko: professione Predatrix

  1. Grandissimo post per quello che è senza dubbio il personaggio più interessante della saga dopo i primi film! Non ho letto nemmeno un quarto delle opere da te citate, ma ho ancora nella libreria la copia cartacea del primo scontro tra Alien e Predator e ogni tanto lo tiro fuori. Le copertine, poi, che spettacolo!

    Piace a 1 persona

    • Quel fumetto ha fatto storia ed è stato un onore comprarlo in edicola fresco di stampa 😛
      L’ho amato con tutta la forza dei miei 18 anni e da allora Machiko ha il suo posto fisso nel mio cuore. Peccato che ora invece spingano altri personaggi, come Amanda e Zula, che non hanno neanche la metà del carisma…

      "Mi piace"

      • Onore condiviso dal sottoscritto 😀 Peccato poi, con quella caterva di inediti (che tali rimarranno, ho paura), non aver più potuto ripetere l’esperienza…

        Piace a 1 persona

      • La saldaPress da mesi e mesi è interessata solo a minuscole e inutili storielline, mentre lascia le grandi saghe o inedite o dimenticate. Prima o poi finiranno le storielline, e chissà, magari si deciderà a portare in Italia i grandi fumetti di Alien e Predator…

        "Mi piace"

  2. Pingback: Fumetti di Alien e Predator in Italia | 30 anni di ALIENS

  3. Pingback: [2019-06] Aliens saldaPress 27 | 30 anni di ALIENS

  4. Pingback: [2019-07] Aliens saldaPress 28 | 30 anni di ALIENS

  5. Pingback: [2019-08] Aliens saldaPress 29 | 30 anni di ALIENS

  6. Pingback: [2019-10] Aliens vs Predator: The Essential Comics 1 | 30 anni di ALIENS

  7. Pingback: Grimm Fairy Tales (2019) Horror Pinup Special – Fumetti Etruschi

  8. Pingback: [2020-04] Predator: Hunting Grounds (anteprima) | 30 anni di ALIENS

  9. Pingback: [2007-05] Aliens vs Predator: Omnibus 1 | 30 anni di ALIENS

  10. Pingback: Storia dei fumetti alieni 4. Alieni contro Cacciatori | 30 anni di ALIENS

  11. Pingback: Storia dei fumetti alieni 6. Il crollo del primo universo | 30 anni di ALIENS

  12. Pingback: Storia dei fumetti alieni 8. Il Cavallo Nero alla carica | 30 anni di ALIENS

  13. Pingback: Storia dei fumetti alieni 14. Alieni in Italia (2) | 30 anni di ALIENS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.