[2009] Alien (DVD) Edizioni Master

Un giorno su bancarella ho trovato questa misteriosa edizione di Alien (1979), che se non conservassi in collezione penserei fosse una fake news.

Si tratta di una ristampa in DVD delle Edizioni Master, nella collana “Il grande cinema horror“: un totale di 16 titoli all’incredibile prezzo di € 4,99 l’uno, scopro qui (grazie a Giuseppe).
Mentre il davanti della locandina è originale, il retro è preso di netto dall’edizione Fox originale, infatti il copyright è del 2000: in pratica il retro è lo stesso dell’edizione singola del disco ad eccezione dei loghi della Fox, che qui sono presentati a colori, mentre nel 2000 sono usciti in bianco e nero.

Continua a leggere

FernGully (1992) 30 anni del VERO Avatar!

Sul numero di luglio della rivista di cinema britannica “Empire” (n. 403) ho trovato l’annuncio che questo dicembre 2022 dall’Isola del Dottor Cameron, dove Jim vive dominando i suoi omini blu digitali, arriva Avatar: The Way of Water, una vecchiata con cui Cameron conferma di essere come Paul McCartney: in realtà è morto decenni fa ed è stato sostituito da un sosia.
Stavolta invece di svolazzare fra gli alberi i nostri eroi Jake (Sam Worthington) e Neytiri (Zoe Saldana) andranno per mare, così che Cameron possa giocare con i suoi sottomarini.

In attesa di questa roba imbarazzante, che mi fa vergogna associare a quello che negli anni Ottanta era un maestro di cinema, ne approfitto per rispolverare un fortuito ritrovamento in un mercatino: il DVD di un film d’animazione che Cameron conosce bene, molto bene, visto che la rifatto identico per il suo Avatar (2009).
Mi sono sempre chiesto come mai i produttori di questo film animato non si siano mai lamentati di essere stati plagiati così smaccatamente, poi giro il DVD e leggo il marchio Fox: ah, ho capito, è tutta una grande famiglia.

Continua a leggere

[2008-10] Predator: South China Sea

Cover di Stephen Youll

Dopo anni di attesa, finalmente è arrivata la congiunzione astrale che cercavo: un leggero abbassamento del prezzo di questo che è il più raro romanzo dell’universo alieno e la possibilità di ricevere un grosso regalo, che ho subito colto al volo in “salsa aliena”.

Sto parlando di Predator: South China Sea (ottobre 2008) di Jeff VanderMeer, quando ancora non era un autore famoso: probabilmente è stato il suo fulmineo salire agli onori della cronaca letteraria che ha fatto alzare le quotazioni di questo suo romanzo, che non è certo citato dai critici che oggi si occupano dell’autore.


Indice:


Continua a leggere

[2010-02] Aliens vs Predator 2 (Edizione speciale 2 DVD)

Splendida edizione speciale di un film tutt’altro che speciale: Aliens vs Predator 2 (2007) dei fratelli Strause, che viene abbreviato AVP-R per via del titolo originale Aliens vs Predator – Requiem.
Sulla copertina l’unica data presente è 2008, mentre su Amazon il DVD è venduto dal febbraio 2010.

Il primo disco contiene il film in cinque lingue (Italiano, inglese, ungherese, tedesco e spagnolo) e come contenuto speciale ben due audio-commenti: uno a cura dei fratelli registi con il produttore John Davis e l’altro a cura dei mitici Tom Woodruff e Alec Gillis, i “papà adottivi” delle creature aliene.

Le ghiottonerie sono nel secondo disco.

Continua a leggere

[1980-04] Alien 2 sulla Terra

Nuova puntata del ciclo dedicato alla storia, raccontata per la prima volta con dovizia di particolari, dei due italiani che girarono il loro seguito di Alien (1979).

Continua a leggere

Citazioni aliene. Dylan Dog Maxi 35 (2019)

L’amica Vasquez mi segnala questa splendida tavola di Davide Furnò per la storia Tutto è perduto di Rita Porretto e Silvia Mericone, contenuta nel “Maxi Dylan Dog” n. 35 del febbraio 2019.

Sono abbastanza sicuro che nel mitico corridoio di Dylan non ci siano mai stati Jason, Freddy e men che meno uno xenomorfo (tutti sulla sinistra), quindi condivido l’idea di Vasquez: qui c’è aria di auto-citazione di Horror Paradise (1990).

L.

– Ultime citazioni bonelliane:

[2022-06] NECA Aliens: Fireteam Elite (Series 1)

Malgrado la sua estrema pochezza, il videogioco Aliens: Fireteam Elite (2021) non solo annuncia integrazioni e nuove mappe ma la NECA gli dedica addirittura dei modelli, anche se è pur vero che la casa ormai non sa più dove andare a grattare il fondo del barile.

A giugno del 2022 esce dunque la prima serie di xeno-modelli provenienti dal quel videogioco.

Ecco la sua descrizione dal sito ufficiale:

NECA è lieta di presentare una linea di action figure dettagliate che raffigurano gli alieni visti nel videogioco. La prima serie include Runner Alien e Prowler Alien, che sono alti più di venti centimetri e hanno quasi trenta punti di articolazione. Entrambe le figure presentano sculture accurate e code pieghevoli.

Continua a leggere

itALIENi 7. Alieni in America

Nuova puntata del ciclo dedicato alla storia, raccontata per la prima volta con dovizia di particolari, dei due italiani che girarono il loro seguito di Alien (1979).

Continua a leggere

Aliens: Dark Descent (anteprima)

Lascio la parola all’amico redbavon di Pictures of You, che ieri sul suo blog ha raccontato della presentazione del nuovo videogioco alieno, in arrivo nel 2023.


Puoi urlare quanto ti pare, tanto potrai giocarci nel 2023

L’Electronic Entertainment Expo, noto ai più semplicemente come E3, è l’evento più atteso dai videogiocatori e dalla stampa specializzata poiché i produttori di software e hardware presentano tutte le novità. Inaugurato nel 1995, si tiene nella prima metà di giugno e, a eccezione delle edizioni del 1997 e 1998 tenutesi ad Atlanta, viene ospitato al Convention Center di Los Angeles.

Continua a leggere

[2009] Screamers 2


Dubito che qualcuno abbia mai chiesto un seguito di Screamers (1995), malgrado addirittura Philip K. Dick in persona l’avesse scritto nel 1954, ma poi con il 2005 il cinema è morto e la fantascienza è tornata di moda: sembra un controsenso, visto che da quel momento il cinema “di cassetta” ha perso ogni singolo strumento per narrare storie fantastiche, ma forse il grande successo delle fanta-serie TV dei primi anni Duemila ha spinto i produttori a usare lo stesso “stile povero” anche per quei film pensati per le ultime videoteche rimaste in vita all’epoca.

Continua a leggere