[2010-01] Aliens vs Predator: Three Worlds War

Cover di Raymond Swanland

Quando scende in campo il mitico Randy Stradley, editor della Dark Horse Comics, è per qualcosa di importante. Di dannatamente importante.
Quando le copertine sono affidate al mitologico Raymond Swanland, che è il dio delle copertine, è per qualcosa di forte. Di dannatamente forte.

«Che la distruzione abbia inizio, liberate i mastini della guerra!» (Star Trek VI)

Quando i disegni sono affidati a Rick Leonardi… be’, niente di che!

A vent’anni dal primo successo del suo personaggio, Randy Stradley torna a scrivere un’avventura della sua Machiko Noguchi, la predatrix che amo sin da quando avevo 17 anni e a cui la NECA ha dedicato finalmente un modellino, di imminente uscita.
Di Machiko e del suo confusionario destino vi parlerò in un post a lei interamente dedicato, qui basti dire che è la figlia di Randy Stradley e ora il buon padre ha qualcosa da aggiungere: il risultato è la saga in sei parti Aliens vs Predator: Three Worlds War.
Iniziata nel gennaio 2010, viene ristampata in volume TPB nel giugno del 2011, disponibile anche in digitale su Amazon.

Caparis VII, pianetino minerario della Chigusa Corp da qualche parte a sinistra di Alpha Centauri. Qui un brutto giorno sbarca un’astronave piena di Predator con i loro “mastini della guerra”: xenomorfi addestrati al guinzaglio.

«Griderà “Sterminio” e scioglierà i mastini della guerra» (Shakespeare, Giulio Cesare)

Quello che ne segue è un massacro umano. I Colonial Marines devono intervenire ma sarebbe opportuno chiedere l’intervento dell’unica persona nell’universo che abbia un canale comunicativo aperto con i Predator: Machiko Noguchi.
Sono passati dieci anni dagli eventi di Aliens vs Predator: War (1995) e Machiko ha rinunciato per sempre a quella parte della sua vita, sebbene la porti ancora nel segno che marchia la sua fronte. Con il suo team aiuta i ricconi ad andare a caccia e va bene così.
La violenza dei Predator ribelli è però un pericolo per tutti, e alla fine Machiko accetta di tornare in gioco. Anzi… nel big game.

Machiko di nuovo sulla cresta dell’onda

Non è facile tornare in mezzo ai Predator e farsi accettare: servirà una prova di forza che dimostrerà quanto la nostra predatrix non abbia perso il suo smalto.

È sempre difficile riallacciare vecchi rapporti

Alla fine, cosa cementa di più i rapporti fra umani e Predator se non… una  bella caccia alla Regina Aliena?

Sembra d’essere tornati nei primi anni Novanta…

Stretti i rapporti, la missione può cominciare. Ma la nostra eroina non segue i Colonial Marines, preferendo viaggiare sulla nave dell’Elder Predator.

«Don’t you know you’re riding with the king?»

Il primo scontro con i Predator ribelli è violento e un punto per gli umani è esser riusciti a recuperare uno dei “guanti” speciali con cui i mostri controllano gli alieni. Qui infatti si ribadisce che gli xenomorfi reagiscono ai feromoni ed è con questo sistema che sono controllati dai Predator ribelli.

Questo scontro non sarà indolore

Per l’azione finale servirà qualcosa che annulli l’effetto dei messaggi inviati dai Predator ribelli… per esempio una bella Regina Aliena!
Il problema però è portarla lì…

Arriva la cavalleria!

Una storia sontuosa ma semplice, lineare e pulita. Stradley usa un buon soggetto originale – con aggiunte ghiotte, tipo gli xenomorfi resi “mastini della guerra” dai Predator – in realtà per un viaggio sul sentiero dei ricordi. È innegabile che vengono ripercorse tutte le tappe storiche del percorso di Machiko, non ultima l’essere costretta a decidere da che parte stare, per quale razza parteggiare.

Predator pendolari!

In pratica è come se l’autore volesse festeggiare la sua titanica creazione ripercorrendone le tappe principali. Non mi sento di condannarlo, visto che io ero lì, quando Alien vs Predator (1990) arrivò in Italia, e sin da subito sentii che era qualcosa di potente e di eterno.
Da più di vent’anni considero la creazione di Stradley parte del mio immaginario collettivo, quindi sono più che felice che l’autore si diverta a “giocare” con i suoi personaggi. Spero che non aspetterà altri vent’anni per tornare a farlo…

Chiudo con la titanicamente spettacolare cover gallery:

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

3 pensieri su “[2010-01] Aliens vs Predator: Three Worlds War

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...