[1990-12] Predator 2 (Novelization)

C’è un altro regalo che mi sono fatto per il compleanno, o meglio che mi sono fatto fare, dato il costo impegnativo di un libro fra i più inaccessibili dell’universo alieno: un regalo che meritava un post a sé. Ecco dunque il rarissimo Predator 2 (1990), il romanzo-novelization di Simon Hawke basato sulla sceneggiatura di Jim e John Thomas, palesemente rubata dal fumetto Predator: Heat / Concrete Jungle (1989) di Mark Verheiden.

L’autore deve aver lavorato su una sceneggiatura non definitiva, perché ambienta la vicenda nel 1995 (quando il film riporta chiaramente il 1997 come data) e la pistola ricevuta in dono dal protagonista riporta la data 1640 e non 1715 come si vede nel film, giusto per citare le discrepanze più evidenti.

Continua a leggere

Regali di compleanno 2021

Regali di compleanno 2021

La fine dello smart working è stato un lutto che ha funestato questo mio compleanno del 2021, con l’aggravante di capitare proprio a ottobre: un gesto di pura cattiveria che davvero non meritavo.

Continua a leggere

Oscurità, dolore e disperazione in cuffia (guest post)

È con grande emozione e tanto sangue acido nel cuore che presento questo splendido guest post di Vasquez, la nostra Colonial Marine speciale che si è lanciata in una nuova missione: andare alla scoperta dei tre audiolibri italiani tratti da romanzi inediti in Italia, e visto che sono in realtà radiodrammi… audiodrammi… aliendrammi… tutto è più complicato. Per fortuna a spiegarcelo è una che è «troppo troppa».

L.


Oscurità, dolore
e disperazione in cuffia

Guida all’ascolto di tre audio alieni

«Radiodramma». Secondo il mio Zingarelli Minore si tratta di un’opera drammatica scritta per la radio. La prima volta che ho avuto a che fare con questa parola è stato, manco a dirlo, in un libro di Stephen King, Terre desolate (The Waste Lands, 1991), terzo della saga della Torre Nera. A parlarne è Susannah Dean, la pistolera senza gambe: è stata segata viva dalle ruote d’acciaio della metropolitana di New York al passaggio di un treno della linea A – quello reso immortale da Duke Ellington – che l’ha lasciata con le gambe staccate dal corpo di poco sopra le ginocchia.

Continua a leggere

[2012-12] Prometheus (Blu-ray)

Davvero una gran bella idea far uscire a dicembre un film che si svolge a dicembre! Così malgrado il copyright riporti 2013 Amazon attesta al dicembre 2012 l’uscita di Prometheus di Ridley Scott sia in DVD (già recensito) che in Blu-ray.

Se l’edizione DVD è straordinariamente povera di contenuti, questa in Blu-ray – formato che alla sua nascita aveva promesso fantastiche meraviglie agli spettatori, avendo spazio per contenere milioni di ore di contenuti speciali – è parimenti pezzente.

Continua a leggere

Citazioni aliene. Tomorrow War (2021)

Sembrava una cosa seria, quando qualche mese fa Prime Video ha presentato il film Tomorrow War (2021) di Chris McKay, invece poi vedendolo è chiaro che è tutto uno scherzo: non può essere un film serio, solo una barzelletta che non fa ridere.

Copiando da ogni altro film esistente, con una trama imbarazzante e gestita malissimo, Tomorrow War va ricordato qui per un unico motivo: fra i tanti film copiati, c’è pure Alien-Prometheus.

Entrando nel Relitto, caduto chissà quanto tempo prima

Personaggi farseschi devono combattere un’invasione aliena e guarda caso l’astronave madre è caduta tra i ghiacci, che non succede proprio mai alle astronavi: avete mai sentito di un’astronave aliena caduta fra i ghiacci? Tipo La Cosa (1982) o X-Files (1998)? Però è curioso che appena entrati i nostri eroi trovino un alieno morto, perfettamente conservato, tipo Alien (1979) o il suo rifacimento Prometheus (2012).

Non è bello lasciare un alieno morto davanti all’entrata

Vogliamo considerarlo uno Space Jockey o un Ingegnere? Che poi è la stessa cosa…

Non ha proprio la faccia da Ingegnere

Al contrario di Alien, nell’astronave di Prometheus ci sono alcuni Ingegneri chiusi nelle loro capsule criogeniche: anche in Tomorrow War, ma sono un po’ di più.

Va’ come dormono i nuovi Ingegneri!

I protagonisti di Tomorrow War sono meno idealisti di Weyland e non fanno cose stupide tipo parlare con i propri creatori: sono lì per sterminarli, quegli alieni. Anche se poi sono incapaci e sbagliano tutto.

Un gruppo di eroi incapaci

La grafica degli alieni di questo film non sembra avere richiami diretti con l’universo degli xenomorfi, ma certo – dato che si parla di Prometheus – ci sono abbastanza “tentacoli” per pensar male.

Un alieno un po’ troppo tentacolare

Il film dunque riscuote un minimo di interesse almeno nell’ultima parte, con le sue velate citazioni aliene. Per il resto è una roba da far finta non sia mai esistita, come in media ogni produzione originale Prime Video.

L.

– Ultime citazioni aliene:

Citazioni aliene. Wildstorm 2 (2000)

Cover di Travis Charest

Forse è una mia perversione, quella di vedere citazioni aliene ovunque, eppure in questo costume indossato dalla protagonista nella copertina di Travis Charest per la testata “Wildstorm” (volume 2, n. 2, maggio 1999) io ci vedo uno xenomorfo!

Continua a leggere

[2013] Alien War (Stranded)

Il futuro non è più quello di una volta, lo dicono tutti e infatti è vero: una volta la base lunare aveva Martin Landau come capo, oggi… ha Christian Slater. Tempi bui. Tempi di Z!

Continua a leggere

Citazioni aliene. Cinema Sewer 11 (2002)

Questa copertina pepata della ruspante rivista “Cinema Sewer” n. 11 (2002) lascia pochi dubbi sull’omaggio al newborn di Alien Resurrection (1997), malgrado dentro non ci sia alcuna specifica di sorta.

Continua a leggere

[2021-09] Fireteam su “Game Pro”

Riporto la recensione che Mattia Sergio ha scritto sulla rivista specialistica “Game Pro” di settembre 2021 sul videogioco Aliens: Fireteam Elite (2021), a cui comunque dà voto 6 malgrado i difetti.

Continua a leggere

Escono dai fottuti pixel! Aliens Colonial Marines (guest post)

Condivido la prima parte di un post capolavoro firmato da redbavon di Pictures of You, apparso sul suo blog il 15 settembre 2021, ringraziando l’autore per la disponibilità.


Anno 2179, la USS Sephora diretta verso LV-426 intercetta inaspettatamente la USS Sulaco in orbita attorno al pianeta. Vengono inviati i marine coloniali a bordo della USS Sulaco e si imbattono immediatamente negli xenomorfi.

Continua a leggere