[2022-08] Aliens vs Predators: Rift War

Il 16 agosto 2022 è arrivato sul mio lettore, avendolo acquistato in prevendita, il nuovo romanzo di Titan Books: AVP – Aliens vs Predators: Rift War, firmato a quattro mani da Weston Ochse e Yvonne Navarro.

Ormai purtroppo la Titan Books sforna romanzi così brutti e illeggibili che non ho più la forza di completarli, dopo i primi capitoli ho la nausea per il troppo “politicamente corretto” e le “pari opportunità”, tutta roba posticcia che fa dimenticare agli autori che teoricamente ci sarebbe bisogno di una trama e di una narrazione. Quindi mi limito a schedare il romanzo: magari un giorno lo finirò e aggiornerò la pagina.


Indice:


La trama ufficiale

Quando i Predator scelgono LV-363 per una caccia e seminano il pianeta con uova di xenomorfo, il risultato sono bizzarri ibridi alieni: gli umani rimangono così intrappolati fra i Predator e i loro trofei.

Il pianeta LV-363 brulica di vita esotica, inclusa una pianta che cresce all’ombra delle sue profonde spaccature. Il fiore della pianta produce un prezioso narcotico e le persone sono costrette dai cartelli criminali a raccoglierlo. Quando una nave Yautja arriva per un rituale di caccia, i Predator seminano le uova di xenomorfo. Gli alieni emergono e il risultato sono ibridi bizzarri e mortali, con gli umani intrappolati tra i Predator e le loro prede. Questi micidiali ibridi xenomorfi, alcuni dei quali possiedono la capacità di volare, sciamano fuori controllo e potrebbero rivelarsi più di quanto lo Yautja o gli umani possano sconfiggere.


L’incipit in traduzione esclusiva

L’ovomorfo pulsava di vita. Nel liquido amniotico si contorceva una creatura perfezionata da una mano sconosciuta eoni prima. Poi gli Yautja le incontrarono, le imbrigliarono e trovarono un uso per queste creature.

Ora le creature erano legate al sistema dell’onore e della caccia Yautja, in modo così stretto che le due specie non sarebbero mai state separate. Questo uovo, in tutta la sua orribile bellezza, sarebbe stato l’inizio del rito di passaggio che avrebbe aiutato a trasformare un giovane Yautja in un membro forte e stimato della propria società, mentre iniziava a compiere il proprio destino.

Il primo passo era stata la semina di un pianeta a favore degli Unblooded. La fonte degli ovomorfi è rimasta nascosta dietro vari livelli impenetrabili di burocrazia. Durante i tempi morti, tuttavia, viaggiando tra le stelle, Ar’Wen non poteva fare a meno di chiedersi da dove avessero avuto origine le creature.

Gli xenomorfi erano stati i loro principali antagonisti fin da sempre, come scritto in ogni documento che avesse trovato. Se mai c’era stato un tempo in cui non erano i nemici mortali degli Yautja, la loro più grande preda, questo andava oltre la memoria e non aveva lasciato tracce. Ciò che importava ad Ar’Wen era che lui si trovava qui, una specie di pastore la cui missione era provvedere alle esigenze degli altri.

Questo pianeta era il quinto che Ar’Wen aveva seminato per conto degli anziani. Gli umani lo avevano chiamato LV-363, mentre gli Yautja lo identificavano come un “mondo spaccato” [rift world] perché la superficie era divisa da profonde voragini, come se un giovane gigante avesse preso una lama da polso di enormi dimensioni e avesse cercato di incidere qualcosa nella sua superficie. Gli anziani avevano designato quel pianeta per la semina, con un’ampia varietà di fauna che includeva mammiferi a due e quattro zampe, inclusi primati di dimensioni sufficienti per ospitare gli embrioni. Fornisce anche un eccellente campo di battaglia per gruppi di giovani pronti a diventare Blooded Warrior.


La storia

Da quindici anni il Predator Ar’Wen si occupa di seminare LV-363 in modo che i giovani Unblooded intenti al rito di passaggio per diventare Blooded Warrior abbiano xenomorfi freschi da affrontare.

Stanno infatti arrivando nuovi cacciatori sul pianeta, guidati da Ny’ytap (massiccio e con una ferita da sangue acido in volto), T’U’Sa (meno massiccio ma più veloce) e la predatrice Ca’toll, che ovviamente è la più brava di tutti solo perché è femmina. La loro nave porta nove giovani Youngblood che si apprestano al loro rito di passaggio per diventare Blooded Warrior.


Conclusione

Come detto all’inizio, è un romanzo illeggibile e quindi mi fermo dopo i primi capitoli: se un giorno lo riprenderò in mano aggiornerò la scheda.


L.

– Ultimi libri:

  • [2022-08] Aliens vs Predators: Rift War - Un altro romanzo Titan illeggibile, strozzato da correttezza politica e pari opportunità.
    Quando i Predator scelgono LV-363 per una caccia e seminano il pianeta con uova di xenomorfo, il risultato sono bizzarri ibridi alieni: gli umani rimangono così intrappolati fra loro.
  • [2022-12] The Complete Alien Collection - La Titan Books rispolvera una serie di libri già ben ampiamente nota, raccogliendola in un unico volume.
  • [2022-08] Predator: Eyes of the Demon - Quarta antologia aliena della Titan Books, di nuovo dedicata esclusivamente ai Predator e di nuovo curata da Bryan Thomas Schmidt: quindici racconti originali di straordinaria vuotezza. Ah, e ovviamente sono SOLO Predator femmine.
  • [2022-07] Alien: Inferno’s Fall - Altra robaccia illeggibile con cui la Titan Books segue il gioco di ruolo facendo fare gavetta a giovani romanzieri.
    Cadono alieni dal cielo e Zula Hendricks al comando dei suoi Jackals fa robe a caso.
  • [2008-10] Predator: South China Sea - Profonda delusione nello scoprire che un autore così famoso può essere così noioso e vuoto: temo che la sua fama sia del tutto posticcia.
    Su un'isola sperduta un bieco ex Khmer rosso organizza cacce ad animali esotici per ricchi clienti, finché l'arrivo di un Predator rende trasforma i ricchi cacciatori in prede. Fine della trama.
  • [2022-04] Alien: Colony War - Anno 2186, il marito di Amanda Ripley e la sorella della protagonista di un altro romanzo uniscono le forze per indagare sulla piaga degli xenomorfi e poco altro.
  • [2022-03] Aliens vs Predators: AVP Ultimate Prey - Per la prima volta un'antologia originale... multi-specie!
    Due autori che non sanno nulla dell'universo alieno, a parte i primi film, presentano racconti di autori che ne sanno anche meno, interessati SOLO a banali tematiche politicamente corrette. Un libro orrendo.
  • [2021-12] Copertura alieni - Un libro finto, scritto in automatico in più lingue, con centinaia di pagine piene di parole vuote: anche questo doveva apparire nel povero e martoriato universo alieno...
  • [2021-04] Alien: Into Charybdis - Dopo Cold Forge (2018), Alex White torna con un nuovo romanzo alieno, purtroppo ambientato nell'universo in salsa gibsoniana. Così i "camionisti spaziali" americani devono trattare con una colonia mediorientale come fossimo ancora negli anni Ottanta.
  • [1990-12] Predator 2 (Novelization) - Rarissimo romanzo-novelization del secondo film, copiato dal fumetto di Mark Verheiden.
    La nave aliena è atterrata sull'emisfero occidentale, alimentata da una tecnologia sconosciuta alla scienza umana. La sua destinazione: la città di Los Angeles.

5 pensieri su “[2022-08] Aliens vs Predators: Rift War

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.