[2022-08] Predator: Day of the Hunter

Cover di Leinil Francis Yu

Mi coglie completamente di sorpresa l’uscita, il 10 agosto 2022, di questo primo numero della serie regolare Marvel dedicata a “Predator”: di solito trovo pubblicità in giro e sulle varie “previews”, ma stavolta è stato un sorpresone.

In occasione dell’uscita il 5 agosto del pessimo Prey la Titan il 9 agosto successivo sforna un romanzo su Predator (di cui parlerò quanto prima) e il giorno dopo la Marvel presenta questo fumetto sceneggiato da Ed Brisson, prolifico autore della casa, con i disegni di Kev Walker.

Una nota ci informa che la Marvel considera canonici solo i quattro film di Predator, stando almeno a quanto specificato.

Come sempre, questo post verrà aggiornato ogni mese con le nuove uscite della storia.

Anno 2056, pianeta X14432-8. Uno scontro fra due cacciatori finisce con la morte di uno, ma in realtà chi vince non ha zanne in bocca… essendo umano!

Si parte dalla fine della caccia

Torniamo un attimo indietro al 2041, quando la piccola Theta Nedra Berwick si annoia da morire. Non è facile essere la figlia di due esploratori (Francesca ed Hugo) che da mesi vivono su un pianeta per studiarlo, per conto della Astar Industries, con la figlia che non ce la fa più ad essere chiusa nell’astronave Sandpiper e vuole esplorare le meraviglie naturali del posto. I suoi obiettivi cambiano però quando un Predator le massacra i genitori: da allora, Theta è diventata la più feroce cacciatrice di cacciatori della galassia.

La Predatrix dell’anno 2056

Ad uno dei Predator che ha ucciso Theta ha sottratto le loro principali rotte, i pianeti dove vanno a compiere i loro riti venatori, così che può trovarli con facilità: sperando sempre di beccare quello che le ha sterminato la famiglia.

L’ultimo ricordo della mamma di Theta

L’unico indizio che Theta ha per identificare il Predator che sta cercando è il fatto che ha una bocca con solo tre zanne, visto che sua madre è riuscita a staccargliene una come ultimo gesto. In pratica la Marvel si è creata una propria versione di Broken Tusk, il mitico cacciatore di Aliens vs Predator (1990).

Naufragata su un pianeta di ghiaccio chiamato Tusket, la nostra Theta inizia un pericoloso viaggio a piedi per raggiungere l’unica località nota, Medway Post, e per fortuna trova animali da cacciare lungo la via e predoni polari da predare, ricordando che siamo in piena girl power era quindi Theta fa cose che farebbero spavento a Schwarzenegger. Menando i mostri con il solo mignolo, si ruba un gagliardo howerbike della Astar Industries.

Questo sì che è un bel giocattolo per viaggiare

La fortuna però prima o poi finisce, e raggiunto Medway Post la nostra eroina scopre che un Predator è già passato a massacrare tutto ciò che era vivo.

Nel terzo numero finalmente vediamo Theta in azione, scoprendo che le cose sono due: o ha una forza sovrumana, o i Predator che incontra sono tutti ragazzini. È la prima volta che vedo un cacciatore piegarsi dal dolore… per un calcio in uno stinco!

Non ci sono più i Predator di una volta

Sfuggita con un semplice calcetto al più fenomenale cacciatore della galassia, Theta passa poi l’intero albo a parlottare con l’intelligenza artificiale della sua nave, finché scopre che è finita nel mirino di altri Predator: è il momento di un po’ di battaglia volante.

Scopriamo che la nave di Theta si mangia quelle dei Predator a colazione

L’ultimo Predator rimasto segue Theta a terra, e la donna indossa l’armatura: è il momento di uno scontro fisico onorevole fra due cacciatori. Anche se di specie diverse.

L’umana Theta è pronta ad una battaglia onorevole

E pare proprio che abbia trovato pane per i suoi denti.

Più che un nemico “onorevole” mi pare “incazzato”

Curioso che in questo periodo di rivalsa femminile Theta invece giochi sporco, dimostrandosi per nulla onorevole nel suo combattimento: mi spiace, ma tifo per il Predator. Almeno il suo codice morale non cambia a seconda delle mode.

Rimasta sul terreno svenuta, sia Theta che il Predator vengono prelegati da una nave della Astar Industries, la Turnstone, dove il capitano Ferrier affida all’ufficiale scientifico Paolo Silva il compito di esaminare i diari della Sandpiper, mentre lui va a parlare con una donna ufficialmente dispersa da quindici anni.

Entra in scena il capitano Ferrier

Il capitano Ferrier capisce la situazione della ragazza ma non può fare altrimenti, visto che la Sandpiper appartiene alla Astar e il suo database di quindici anni di esplorazione spaziale sono un piatto troppo ricco per farselo scappare, anche se Theta la considera casa sua. Quindi si parte tutti per la Terra.

Theta non è abituata a darsi per vinta e quindi lotterà fino all’ultimo per non essere separata dalla sua nave-casa, ma ben presto i problemi si moltiplicheranno, visto che un clandestino è appena salito a bordo della Turnstone.

Permesso di salire a bordo…

Theta riesce a convincere l’equipaggio che dall’alto delle sue ventisei creature uccise è sicuramente la più qualificata a bordo per affrontare il pericolo in corso, ma tanto non c’è chissà che strategia da mettere in atto: gambe all’aria e basta.

Mi piace sottolineare una piccola nuova arma dei Predator: una mina semovente a forma di ragno. Evidentemente al sesto numero lo sceneggiatore dà segni di vita.

Una nuova arma dell’arsenale dei Predator: la mina ragnosa!

Ferrier e i suoi uomini sono totalmente incapaci come vuole la regola in questi casi e muoiono tutti come pesci in barile, perché nessun personaggio deve offuscare la protagonista e il suo epico scontro finale con il Predator che gli ha massacrato la famiglia: il momento topico atteso da sei mesi di uscite… e risolto in due vignette. Ammazza che epica!

Disegno bello, scontro fiacco, storia dimenticabile

Altre due vignette e la saga è finita, anche se potete giurarci che le avventure di Theta continueranno, fra un fischio e una pernacchia.

La Marvel si conferma la Casa delle Idee (Poche ma Confuse), e ormai è chiaro che questa saga è puro chiacchiericcio.

Chiudo con la cover gallery:

L.

– Ultimi post su Predator:

  • [2022-09] Predator: A Memoir, a Movie, an Obsession - La Graywolf Press
  • [Short Film] Banana Joe vs Predator (2021) - È con profonda commozione che presento questo capolavoro di arte tedesca: Banana Joe vs Predator, caricato il 25 aprile 2021 sul canale YouTube Short Animation Department. Perché il cortometraggio animato non è stato insignito di un Premio Nobel?
  • [2022-08] Predator: Eyes of the Demon - Quarta antologia aliena della Titan Books, di nuovo dedicata esclusivamente ai Predator e di nuovo curata da Bryan Thomas Schmidt: quindici racconti originali di straordinaria vuotezza. Ah, e ovviamente sono SOLO Predator femmine.
  • [2022-08] Predator: Day of the Hunter - Prima saga regolare della Marvel dedicata al Predator, così da capire subito che la casa se ne frega assai del personaggio.
    Da quindici anni Theta gira pianeti dando la caccia ai Predator, alla ricerca di quello che le ha massacrato la famiglia. Fine della trama...
  • [2022-08] Prey – Predator vs Metaphor - Su Disney+ arriva il film per ragazzine con Predator contro Metaphor: chiunque vinca, noi perdiamo.
  • [2008-10] Predator: South China Sea - Profonda delusione nello scoprire che un autore così famoso può essere così noioso e vuoto: temo che la sua fama sia del tutto posticcia.
    Su un'isola sperduta un bieco ex Khmer rosso organizza cacce ad animali esotici per ricchi clienti, finché l'arrivo di un Predator rende trasforma i ricchi cacciatori in prede. Fine della trama.
  • [2022-09] NECA Predator Stone Heart - Scopro che la NECA ha acquisito i diritti anche dei personaggi del videogioco Predator: Concrete Jungle (Sierra 2005), dal quale proviene questo modello di Ultimate Deluxe Stone Heart Predator.
  • Citazioni aliene [2016-01] Robot Chicken 8×08 - La celebre serie animata prende in giro un reality televisivo ambientato al suo interno gli eventi del film Predator (1987).
  • [2020-10] Occupation: Rainfall - Come posso non vedere dei Predator nelle creature aliene che invadono la Terra nel film Occupation: Rainfall (2020)?
  • Citazioni aliene [1999-08] Stargate SG-1 3×07 - Sam "Flash Gordon" Jones si cala nei deliziosi panni di un Predator nell'universo della serie TV "Stargate".

2 pensieri su “[2022-08] Predator: Day of the Hunter

  1. Pingback: Predagosto! – Tutti i Predator di agosto 2022 | Il Zinefilo

  2. Pingback: Enciclopedia delle Astronavi | 30 anni di ALIENS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.