[1999-10] Alien 3 inedito su “Fictionnaire” 1

Che belli gli anni Novanta, quando in edicola c’erano riviste di racconti, sia quelle che presentavano inediti contemporanei sia quelle che traducevano nomi storici.
Abitavo ancora nel mio quartiere natio di Roma, quell’ottobre 1999, ed appeso fuori l’edicola che frequentavo sin da bambino mi casca l’occhio sulla scritta “Alien”: potevo resistere?

Questo primo numero della rivista “Fictionaire” – diretta da Sebastiano Fusco, e scusate se è poco! – presenta un paio di articoli ma poi lascia l’intero spazio ai racconti: da Robert Bloch a Massimo Mongai, da Lovecraft a Renato Prestiniero, da Brian W. Aldiss a Pierfrancesco Prosperi. Insomma, nomi noti sia stranieri che italiani.
Inutile però fingere, l’unico motivo per cui l’ho comprata è che la rivista presenta la traduzione italiana dell’incipit della sceneggiatura di William Gibson per Alien 3 (1992). Purtroppo non è citato alcun traduttore, e sottolineo che non ne ho tenuto conto quando poi, di lì a poco, ho tradotto l’intera sceneggiatura.

Più sotto riporto l’inizio di quella versione italiana, ed è curioso notare come un box nella pagina ci informi che nel 2000 “finalmente” inizieranno le riprese dell’atteso  Neuromancer, il film di Chris Cunningham (regista di videoclip) tratto dal romanzo omonimo di Gibson, con sceneggiatura dello scrittore stesso.
Ovviamente nulla di tutto questo è successo, anche perché dopo l’abominevole New Rose Hotel (1998) Gibson non è più un nome spendibile al cinema.


L’Alien
che non avete visto mai

AI celebre autore di Neuromancer venne commissionato, in origine, il copione di Alien III. Il suo testo però fu bocciato (chissà perché) dalle ineffabili “teste pensanti’’ di Hollywood, e sostituito col mediocre soggetto poi filmato. L’abbiamo recuperato per voi. (s.f.)

SPAZIO PROFONDO,
NEL FUTURO

Lo sfondo delle stelle è oscurato dall’immenso scafo d’una astronave: la Sulaco. Entriamo. Si vede la fila delle cuccette d’ibernazione. La camera stringe su quattro capsule. Le prime tre ospitano Ripley, Hicks, e la piccola Newt. L’ultima era quella destinata Bishop, l’androide. Quest’ultima capsula è coperta da uno strato di condensazione. Una goccia di fluido scivola giù. Suona un allarme. Su di un monitor scorre una serie di dati.

Si ode un messaggio del computer: la Sulaco, per un errore di rotta, è entrata nel territorio della UPP [Unione dei Popoli Progressisti: una palese trasposizione dell’ex Unione Sovietica]. La visione si trasferisce all’esterno. Un intercettore della UPP abborda la Sulaco e un commando armato entra nell’astronave. Trovano metà del torace bio-meccanico di Bishop gettato sul pavimento. Osservano i danneggiamenti alla navicella d’atterraggio e al suo hangar, dovuti alla lotta fra Ripley e la “regina” aliena nel film precedente. Entrano nella sala d’ibernazione. Un segnale d’allarme è acceso.

Armi in pugno, i membri del commando sfilano accanto alle capsule con l’equipaggio dormiente. Osservano Ripley, Newt, Hicks. La capsula di Bishop è ricoperta da uno strato bianco di condensazione. Il coperchio si solleva. Si alzano dense nubi bianche che, diradandosi, rivelano un grigio uovo alieno, annidato nel resto del corpo di Bishop. L’uovo si apre improvvisamente, e ne esce un embrione alieno che s’avvinghia al volto del capo del commando, emettendo getti di acido. Uno dei militari cerca di ucciderlo sparando, ma fa esplodere la testa dell’uomo. I corpi vengono gettati nel vuoto, e la nave viene abbandonata.


L.

– Ultimi post simili:

8 pensieri su “[1999-10] Alien 3 inedito su “Fictionnaire” 1

  1. A volte ci penso: se la gente ancora oggi si chiede come sia finito quell’uovo nella Sulaco nell’Alien 3 che conosciamo, cosa avrebbero pensato se sullo schermo fosse arrivata la versione di Gibson? Con un uovo che spunta da dentro la capsula di Bishop 😀

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.