[2020-02] Predator: Hunters III

Cover di Brian Thies

Continuano le ultime vergogne della Dark Horse Comics, che in fretta e furia sta gettando fuori bordo la zavorra di Aliens e Predator prima che i marchi passino alla Marvel, dal gennaio 2021.
Era addirittura febbraio 2020 quando la casa ha preannunciato un ulteriore capitolo di una saga che non riusciva a finire in modo soddisfacente neanche il primo: Predator: Hunters III. L’uscita di questa inutile serie immagino sia stata fissata ad un numero ogni dieci mesi, tanto da anni è questa la cadenza che la Dark Horse dedica ad un universo che palesemente disprezza, poi è arrivato il COVID-19 e tutto si è fermato: a novembre è uscito in fretta e furia il volume TPB con tutta la storia, che da mesi e mesi era ferma al numero due.

A tirare le fila della saga c’è sempre Chris Warner, fra i più storici disegnatori della casa e in seguito editor prolifico: passare alla sceneggiatura non credo sia stata una buona idea.
Ai disegni c’è Brian Thies, che abbiamo già incontrato nell’universo alieno per Predator: Life and Death (2016) ed Aliens vs Predator: Life and Death (2016).

Tante belle pose da cartolina, per zero sostanza

Ritroviamo il gruppo di sopravvissuti agli scontri con i Predator guidato da Jaya Soames, nipote del capitano Edward Soames incontrato in Predator: Nemesis (1997). Insieme ad Enoch Nakai, il mitico protagonista di Predator: Big Game (1991), e Mandy Graves, unica sopravvissuta di Predator: Bad Blood (1993), il gruppo ritrova Raphael Herrera, personaggio del primo Hunters che credevamo morto.

Raccontato brevemente come sia sopravvissuto, sebbene con molti aspetti misteriosi che plausibilmente verranno spiegati in seguito, ci spostiamo tutti in Belize (Centro America) dove uno scontro fra trafficanti è il terreno perfetto per una nuova stagione di caccia.

Riusciremo ad avere una stagione di caccia decente?

Intanto un gruppo di escursionisti si immerge per raggiungere alcune grotte sottomarine usate migliaia di anni prima dai Maya, scoprendo così che qualcun altro le sta usando come tana. Anzi… come sala dei trofei.

Una sala dei trofei in territorio Maya

Arrivano i padroni di casa e massacrano gli intrusi – senza alcun pathos, tanto queste storie ormai sono buttate via – però sembra di notare una certa tensione fra Predator: i due guerrieri per caso sono in competizione per la caccia?

C’è maretta in alta stagioen?

Intanto il nostro gruppo di sopravvissuti acquisisce un nuovo membro, e visto che alla Dark Horse non sanno più cosa inventarsi calano l’asso: entra in scena Schaefer, che per l’occasione ottiene il nome di battesimo John.
Fratello del Dutch del film Predator (1987), Schaefer è ben noto ai vecchi amanti dei fumetti di Predator, in quanto protagonista della Trilogia di Verheiden: Heat (1989), Cold War (1991) e Dark River (1996), con relativi romanzi-novelization per i primi due casi.

Dopo trent’anni, facciamo che Schaefer si chiama John

E a questo punto, perché non chiamiamo anche Valentina Ligachev, la soldatessa sovietica di Cold War? Pronta!

Tenente Valentina Ligachev pronta all’azione

Va be’, e da Predator 2 (1990) vogliamo citare qualcosa? Su, che è facile…

Pronta la citazione da Predator 2 (1990)

Si parte tutti per il Belize e ci si immerge nei pressi dello Yucatán perché Schaefer si sente che lì ci sono i Predator, mentre la Ligachev e i suoi mercenari raggiungono lo stesso posto da terra: i due gruppi si incontrano alle antiche piramidi Maya, dove i due cacciatori spaziali si sono asserragliati, collezionando teschi e litigando tra di loro. Perché litigano? Boh…

Due personaggi senza trama che fanno cose a caso

Uno di loro adotta l’equivalente alieno della tecnica “mo’ me ne vado e porto via il pallone”, così chiama la nave-madre, e ne nasce uno scontro con il compagno cacciatore immagino per questioni d’onore. Uno dei due muore, arriva la nave, se li carica entrambi, l’unico umano presente viene lasciato in pace perché è un fratello in Cristo e finisce la scena. Oh, quando vi viene voglia di spiegarci qualcosa fatelo pure, eh?

Semplice trofeo di caccia… o anche i Predator sono cristiani?

Intanto la Dark Horse a sorpresa si riaggancia al film sbagliato, cioè al The Predator (2018) di Shane Black, che purtroppo ha creato più universo narrativo di quanto il buon gusto vorrebbe. Così esce fuori che il redivivo Herrera in realtà è entrato nel gruppo Stargazer – i “cattivi” che vogliono mettere le mani sulla tecnologia aliena – e quindi è tornato fra gli Hunters solo per spiarne i movimenti e arrivare a mettere le mani sui Predator.
E quindi ora… e quindi ora FINE.

Un’altra nuova buffonata della Dark Horse: per fortuna la casa non metterà più le sue luride manacce sui Predator, e la Marvel dovrà impegnarsi duramente per poter fare peggio, semmai sia umanamente possibile.

Chiudo con la cover gallery:

L.

– Ultimi post simili:

4 pensieri su “[2020-02] Predator: Hunters III

  1. Pingback: Fumetti di Alien e Predator in Italia | 30 anni di ALIENS

  2. Pingback: Storia dei fumetti alieni 10. Dopo l’Apocalisse | 30 anni di ALIENS

  3. Pingback: Storia dei fumetti alieni 11. Verrà la fine… | 30 anni di ALIENS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.