[2019-01] Aliens: Resistance

Cover di Roberto De La Torre

Finalmente è arrivato il 23 gennaio 2019 ed è uscito il primo numero di Aliens: Resistance, l’ennesimo tentativo della Dark Horse Comics di risollevare dal fango il franchise alieno, che dalla fine del ciclo Life and Death non è più riuscito a raggiungere neanche la sufficienza.
Il primo numero lo trovate anche in digitale su Amazon.

Ogni mese aggiornerò questo post con le nuove uscite del fumetto: tornate a leggermi!

Ai testi troviamo Brian Wood, autore di Aliens: Defiance (2016) ma anche chiamato a risollevare altri franchise morti: il suo ottimo Robocop: Citizens Arrest (2018) e il suo ancora incompleto Terminator: Sector War (2018) denotano una sua conoscenza degli universi narrativi tratti da film, mentre secondo me rende maluccio con le storie originali, come Mara (2013) e Sword Daughter (2018).
La particolarità dell’autore – anche nelle sue storie migliori come John Carter: The End (2017) – è che presenta primi numeri stupendi, spinge il lettore a credere di star assistendo a qualcosa di grande, poi si perde per strada e tutto finisce in un niente totale, fatto di noia e sbadigli.

Amanda Ripley secondo Robert Carey

I disegni sono di Robert Carey, che trasforma completamente entrambi i personaggi: ora sembrano due attricette di Hollywood…

Zula Hendricks secondo Robert Carey

Una scritta ci informa che dopo gli eventi di Alien: Isolation (2014) la protagonista Amanda Ripley è finita nella lista nera della Weyland-Yutani, mentre dopo Aliens: Defiance (2016) Zula Hendricks deve tenere un bassissimo profilo, tenendo però sempre d’occhio i movimenti della Compagnia.
A proposito di cronologia aliena, ricordo che Isolation si svolge dichiaratamente nel 2137 e Defiance racconta eventi sovrapponibili: questa storia si apre tre anni dopo, quindi siamo nel 2140.

Con grande velocità e particolare carenza di spiegazioni, le due vecchie amiche – che si erano viste in una vignetta ambientata sulla Luna del primo numero di Defiance – si ritrovano, fanno fuori dei sintetici e fuggono dal pianeta per andare… boh. Ma da quale pianeta fuggono? Da chi fuggono? Dove trovano la nave per scappare? Dove stanno andando? E a fare cosa? Magari due righe Wood le poteva pure sprecare per spiegarcelo, ma no, probabilmente ci sarà tempo più avanti per farlo…

The Celestial secondo Robert Carey

A bordo della nave Celestial – che va ad arricchire l’Enciclopedia delle Astronavi – Zula ed Amanda viaggiano insieme ad un computer al cui interno è conservata la coscienza del sintetico Davis, un po’ come il sintetico Ash si era “nascosto” nel computer di bordo della Narcissus nel romanzo Alien: Out of Shadows (2014) di Tim Lebbon.

Nave coloniale Gaspar

Intanto la nave coloniale Gaspar, con a bordo Alec Brand, viene aggredita dagli alieni, che entrano dai finestrini. Quindi ora gli xenomorfi volano? Se no da dove sono arrivati? E chi accidenti è Alec Brand? E perché Amanda e Zula parlano come se tutti noi sapessimo cos’è la Gaspar? E in quale colonia sono arrivate?
Di nuovo, nessuna risposta, a dimostrazione che Brian Wood non riesce più neanche ad iniziare bene i primi numeri: parte direttamente con il nulla…

Un luogo oscuro ancora non spiegato

Difficile per ora stabilire se Weyland-Yutani Blacksite sia il nome della stazione orbitante segreta dove vengono portati i prigionieri o se è il nome generico – scopro infatti che “black site” è l’espressione usata proprio per le basi segrete – comunque in questo luogo dei sintetici diversi da tutti quelli visti finora hanno portato degli umani chiaramente prigionieri, costringendoli a respirare. Perché? Non si sa.

Da quando Amanda ha un addestramento militare?

Intanto le due fotomodelle Zula e Amanda fanno cose, vanno qua e là, parlano con Davis e tutto il resto dell’albo è all’insegna di un’unica grande domanda: ma di che cazzo parla ’sta storia? C’è una trama?
Sappiamo che la Gaspar arriva, poi va, Zula e Amanda arrivano poi vanno, poi sparano, poi sono nello spazio ad inseguire la Gaspar… ma perché? Sempre senza spiegarci nulla, le due tizie si mettono in coda gravitazionale alla Gaspar che cade su un pianeta: perché cade? Non me lo chiedete…

Comincio seriamente a perdermi, in questa storia…

All’ultimo secondo le due ragazze azionano qualcosa e qualcosa esce dalle loro tute a proteggerle: ma cos’è? Non viene spiegato.
Atterrate sul pianeta… Ma come hanno fatto? Andavano a duemila all’ora, si saranno spiaccicate: non fate domande. Atterrate, si avvicinano alla Gaspar caduta armate di pistola. Dove avevano infilate le pistole, mentre cadevano dallo spazio? Un’idea ce l’avrei… Comunque non è spiegato.
La vignetta dopo sono vestite di tutto punto ed armate stavolta di pulse rifle: ma dove l’hanno presa ’sta roba? Ah, ma ancora fate domande?

Ma cos’ha fumato Brian Wood per scrivere ’sta roba?

Sembra di capire che la Gasper sia solo una delle tante navi che sono state mandate volutamente ad atterrare su pianeti infestati da alieni, così che la Weyland-Yutani possa dar da mangiare ai suoi “cuccioli”, ma vediamo poi degli esseri mezzo invisibili che non si sa chi siano, e nel dubbio Zula spara loro: chiamarli, prima, no? E perché sono mezzo invisibili? Non ci viene spiegato.

Nel dubbio, Zula spara!

Dalla Celestial dov’è installato, il software dell’ex sintetico Davis1 dice alle due ragazze che hanno appena trovato la prova dei crimini della Weyland-Yutani – quindi era questa la trama del fumetto? – e ora possono tornare a bordo così lui poi nuclearizza il pianeta. E come tornano a bordo, se sono cadute dallo spazio? Allora non ci siamo capiti: questa cagata di fumetto non ammette domande!

Nel quarto ed ultimo numero arriva pure la “novità”. Sul pianeta dove la Weiland-Yutani sta usando vittime umane per fare esperimenti sugli alieni assistiamo per la prima volta ad un parto pluri-gemellare: tre chestburster escono dallo stesso corpo umano, e ne approfittano per aggredirsi a vicenda. Si sentiva davvero il bisogno di novità, nel vasto universo alieno, soprattutto da sceneggiatori che sembrano sparare a casaccio.

Si vede proprio che Brian Wood non sa più cosa inventarsi

Intanto Amanda e Zula vanno non si sa dove, completamente perse nel nulla da tre numeri.

Due personaggi allo sbando

Finalmente arrivano al punto di estrazione dove la Celestial, con montata a bordo l’intelligenza artificiale di Davis1, deve estrarre le due donne e il giovane superstite Alec Brand che hanno trovato sul pianeta: finalmente capiamo a cosa serviva citare questo personaggio tre numeri prima, dimostrando una volta di più che Wood ha avuto un tracollo totale nella sua capacità di sceneggiatura.
Comunque gli xenomorfi attaccano in massa come fossero Vietcong in Rambo 2 (1985) e infatti la scena sembrerebbe proprio quella del salvataggio in extremis dei soldati in territorio nemico. Senza però avere la benché minima carica emotiva.

Le eroine tra elicotteri e Vietcong…

Proprio nel tentativo disperato di creare un minimo di pathos in questa ridicola storia raccontata malissimo, Wood cala la facile carta delle due eroine che si sacrificano per salvare la prova degli esperimenti illegali della Weyland-Yutani: bella idea, ma non si capisce perché quando la Celestial è atterrata e Alec è salito… non siano salite pure loro. Che senso ha? L’inspiegabile mossa quindi distrugge ogni possibile emotività nella fintissima scena in cui vorrebbero farci credere che Amanda e Zula sono arrivate alla fine della loro corsa.

Un trucchetto indegno di un bravo sceneggiatore

Scoppia la bomba nucleare e teoricamente tutta la parte di pianeta usata per gli esperimenti si volatilizza: alieni ed umani compresi. Quindi ora dovremmo essere in pensiero per Amanda e Zula? Ma per favore: semmai spero siano morte così finisce questa sequela di storie da schifo!
L’imminente uscita della nuova saga di Wood, Aliens: Rescue, mi sembra già una risposta chiara al destino delle due donne.

È sconfortante l’abisso di fastidiosa cialtronaggine in cui è caduta la Dark Horse e un autore come Brian Wood, altrove decisamente migliore. Una saga odiosa in ogni vignetta, con una trama che non basterebbe per una sola pagina – figurarsi per quattro numeri – e un allungare il brodo con roba strana e incomprensibile che mette addosso solo tanta rabbia.
Prego la Disney di togliere i diritti alieni alla Dark Horse ed affidarli a una casa a fumetti più serie, cioè ad una qualunque.

Chiudo con la cover gallery:

L.

– Ultimi post simili:

31 pensieri su “[2019-01] Aliens: Resistance

    • Non capisco, una scelta incomprensibile. E’ dal 2016 che preparano un ipotetico incontro fra Amanda e Zula e poi buttano tutto via così. Sono amiche? Sono complici? Che hanno fatto questi tre anni? Cosa vogliono fare? Niente, inizia l’albo e appena entrano in scena sono amiche che partono su un’astronave per non si sa dove: fine dell’albo. Ho capito che magari più avanti spiegheranno, ma a meno di non aver previsto altri 12 inutili numeri direi che è l’inizio peggiore che la Dark Horse vanti da molti anni…

      Piace a 1 persona

    • Hanno dato per scontato che Amanda e Zula fossero amicone: ma come, non lo sapete? Sono amiche da sempre… E chi lo sa? A parte un paio di veloci (e inutli) vignette nel 2016 le due sono personaggi separati di uno stesso universo condiviso: spendere magari un paio di parole a dirci che sono amiche, a farci vedere su che basi è nata questa amicizia – che magari è solo complicità contro la Weyland-Yutani – sarebbe stata cosa carina: di solito i narratori narrano…
      Qui invece c’era fretta di arrivare alla colonia che non dà più notizie: uhhh ideona fresca fresca! 😀

      "Mi piace"

  1. Pingback: Anteprima di Tristan Jones (2019) | 30 anni di ALIENS

    • Anche Terminator l’hanno rimandato a meggio, mi pare, mentre quella stupidata doveva finire il 20 marzo scorso, così avremmo finito di soffrire 😀
      Tanto Resistance è in assoluto il fumetto più brutto e stupido dell’universo alieno, per me possono anche finirlo qui 😀

      "Mi piace"

  2. Secondo me ci leggono e pensano “finora gli ha fatto schifo, facciamo passare diversi mesi così si dimenticano tutto!”
    OT: sapevi che la saldaPress pubblicherà un volume di Robocop? Joshua Williamson e Carlos Magnos. Anche qui aspetterò il tuo parere, mai letto nulla di Robocop!

    Piace a 1 persona

    • Buona notizia. Quella saga – che ho recensito qui – dopo tantissimi anni di delusioni è finalmente un’ottima storia di Robocop, che dopo il reboot al cinema decide di riprendersi il proprio universo e sfoggia un ottimo nuovo inizio: se la saldaPress è furba, si compra anche il seguito, ancora più bello! 😉
      Tutte le storie di Robocop dal 1988 in poi te le Sconsiglio assolutamente: le ho tutte recensite, seguendo il personaggio dagli stessi anni di Aliens, ma nessuna vale la pena, soprattutto le stupidate scritte da Frank Miller…
      Oggi invece il nostro robo-poliziotto sembra aver conosciuto una seconda giovinezza: speriamo bene 😉

      "Mi piace"

  3. Pingback: Fumetti di Alien e Predator in Italia | 30 anni di ALIENS

  4. Pingback: Aliens: Rescue (2019) Anteprima | 30 anni di ALIENS

  5. Pingback: Intervista a Brian Wood (PreviewsWorld 2018) | 30 anni di ALIENS

  6. Pingback: Amanda Ripley: questa sconosciuta | 30 anni di ALIENS

  7. Pingback: [Comics] Terminator [2018-08] Sector War | Il Zinefilo

  8. Pingback: Anteprime librarie da Titan Books (2019) | 30 anni di ALIENS

  9. Pingback: Aliens: Rescue (2019) 1 – Fumetti Etruschi

  10. Pingback: [2019-07] Aliens: Rescue | 30 anni di ALIENS

  11. Pingback: Alien: Isolation (2014) La storia | 30 anni di ALIENS

  12. Pingback: Addio, Brian Wood | 30 anni di ALIENS

  13. Pingback: Aliens: Rescue (2019) 3 – Fumetti Etruschi

  14. Pingback: Alien: Prototype (Titan Books 2019) | Gli Archivi di Uruk

  15. Pingback: [2019-10] Alien: Prototype | 30 anni di ALIENS

  16. Pingback: [2020-02] Aliens saldaPress 35 | 30 anni di ALIENS

  17. Pingback: [Armi aliene] Pulse Rifle | 30 anni di ALIENS

  18. Pingback: [2020-03] Aliens saldaPress 36 | 30 anni di ALIENS

  19. Non capisco la recensione e i commenti così negativi…a me sembra una storia carina, c’è del mistero, dell’azione…che cosa ci dovrebbe essere? Non ho ancora letto “salvataggio” dove immagino che verranno date risposte sulle intenzioni della W-Y e si capirà di più, ma questo “schifo” non lo vedo proprio, con tutto il rispetto…
    I disegni mi piacciono, anzi li preferisco a quelli delle storie anni 90, e oggettivamente sono ben fatti.

    Piace a 1 persona

    • I gusti sono gusti, ci mancherebbe, ma temo che da “Salvataggio” non avrai alcuna risposta, semplicemente perché non esiste nulla: nessuno sa come Amanda Ripley si sia salvata da Sevastopol, nessuno sa perché si sia unita con Zula in questa lotta contro non si sa chi, facendo non si sa cosa, e la prossima saga farà sorgere altre domande senza risposta, visto che Brian Wood è stato allontanato e la Dark Horse ha finalmente venduto il marchio: quindi rimarrà un episodio di Lost, con misteri a casaccio senza alcuna spiegazione.
      L’universo di Alien non si basa sui “misteri misteriosi”, ma su storie con un senso, oscure e preferibilmente cupe. Invece qui la totale svogliatezza degli autori ha fatto sì di buttare a casaccio elementi senza alcun significato solo per riempire le pagine. Non sarebbe un comportamento onesto in nessun universo, non solo in quello alieno.
      Per fortuna dal 2021 finirà la disgraziata Era Dark Horse: la Marvel non potrà fare di peggio neanche impegnandosi 😀

      "Mi piace"

  20. Pingback: [Big Fanta Gun] Pulse Rifle, dagli Ottanta con furore | Il Zinefilo

  21. Pingback: Storia dei fumetti alieni 10. Una pessima annata | 30 anni di ALIENS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.