[2018-11] William Gibson’s Alien 3

Cover di Johnnie Christmas

Slittato al 14 novembre 2018, dal 7 novembre previsto, esce finalmente il primo numero di William Gibson’s Alien 3, che trovate su Amazon a circa 3 euro.
Com’è noto, e come specifica il titolo, la storia è tratta dalla (pessima) sceneggiatura rigettata per il terzo film scritta dal celebre romanziere: per leggerla tradotta in italiano, in esclusiva, potete andare qui.

Johnnie Christmas (ecco il suo sito colorato) scrive e disegna questa saga, che dimostra quanto la Dark Horse Comics stia raschiando il barile con l’universo alieno: sta facendo di tutto per non dire niente di nuovo su Alien, delusa com’è dalla crudele follia distruttrice di Ridley Scott…

Una figura esce silenziosamente dal buio spaziale…

Furbescamente iniziamo con la U.S.S. Sulaco che vive la stessa scena che abbiamo visto nel film Alien 3 ma stavolta “al contrario”: lì vedevamo solo Ripley e gli altri personaggi scomparivano, qui a scomparire è Ripley.

La mitica Sulaco disegnata da Johnnie Christmas

L’U.P.P. Interceptor si aggancia alla “nave fantasma” e gli “unionisti” – Union of Progressive Peoples – salgono a bordo, trovando subito le gambe del povero Bishop.

Povero Bishop…

Ma non è che il corpo dell’androide stia meglio… visto che un uovo alieno gli sbuca dall’addome!

Di nuovo: povero Bishop

Alla base spaziale della Weyland-Yutani non sono contenti che la Sulaco sia stata spiata dagli unionisti. Va ricordato che la storia è stata scritta quando c’era ancora l’URSS e quindi Gibson – pare su indicazione di Walter Hill e i suoi compagni di merende – ha ricreato nello spazio la Guerra Fredda tra USA e URSS.
La situazione è dunque delicata perché la Divisione Armi della Weyland-Yutani contava molto sui campioni alieni riportati a casa dalla Sulaco ed ora c’è il serio rischio che la “concorrenza” li abbia battuti sul tempo.
Non è però ancora tempo di questi risvolti “fanta-politici”: questo primo albo è dedicato a mostrarci i protagonisti, i superstiti del film Aliens pronti a scomparire ben presto. Gli entusiasti di questa saga non hanno letto la sceneggiatura di Gibson, quindi non sanno che delusione li attende…

Un cameo di Newt

E una fugace apparizione di Ripley

Ma il protagonista è Hicks!

Il 12 dicembre 2018 è il turno del secondo numero. La storia continua fedelmente, con Newt giustamente esagitata e in cerca di Ripley, ma la donna è ormai in coma.

Newt e Ripley

Intanto su Rodina i “comunisti spaziali”, riconoscibili perché vestiti male e trasandati, al contrario degli americani più precisi, cercano di capire come utilizzare le informazioni carpite all’androide Bishop.

E infine Hicks, che dovrebbe fare qualcosa della propria vita ma non sa proprio cosa. Di sicuro non ha la minima intenzione di tornare a bordo della Sulaco.

Hicks ha chiuso con la Sulaco

I dubbi di Hicks sul futuro vengono spazzati via dalla “contaminazione” che interessa la stazione di Anchorpoint, e l’arrivo della Divisione Armi della Weyland-Yutani rende chiaro che la situazione sta per diventare molto calda.

Applausi per la versione a fumetti di Bishop!

Torna Bishop su Anchorponit, così che sia ben chiaro che i “comunisti spaziali” di Rodina hanno messo le mani nella sua memoria e sicuramente provato a ricreare gli xenomorfi. Ovviamente l’esperimento sfugge al controllo e un alieno si mangia tutti i “rossi”.

Intanto Newt saluta Hicks e se ne va con Ripley: spero di cuore che mostrare queste scene dopo trent’anni significhi che segretamente si stia lavorando ad un ritorno di questi personaggi, che la Fox ha criminosamente lasciato morire…

Ciao Newt, non meritavi questa fine…

Gli xenomorfi sono fuggiti dal laboratorio e quindi si avvicina il momento dell’azione: le chiacchiere (inutili) sembrano essere finite.

Nascita del “nuovo alieno”

Con il terzo numero arriva lo splatter, finalmente, quando assistiamo al nuovo modo di nascere sviluppato da questi alieni geneticamente modificati: da notare come il disegnatore si sia rifatto ai vecchi modelli alieni del film del 1979, quelli in cui si vedeva il teschio all’interno della testa tubulare.

Giger ne sarebbe contento, ma quel modello d’alieno non si vedeva neanche nel 1979…

Inizia la situazione di crisi su Anchorpoint e il relativo massacro, dopo lunghe pagine di chiacchiere.

Ma è Alien… o Terminator?

L’azione è ghiotta e splendidamente disegnata, anche se la già esilissima trama sta venendo stiracchiata oltre il buon gusto.

Mo’ arriva pure un secondo alieno a salvare gli umani?

Il quinto ed ultimo numero è delirio totale, con protagonista Bishop che si taglia via una gamba inciampando in un gradino: ma di cos’è fatto, di marzapane?
In realtà è una tristissima paraculata dell’autore per ricreare identica la scena finale di Aliens (1986), con Bishop ferito a terra mentre si apre un portellone tutto vola via nello spazio.

Un finale appiccicato da Aliens (1986)

Non voglio spendere altre parole per il fumetto che è riuscito nell’incredibile intento di rendere ancora più indigesta una storica sceneggiatura rigettata, che trent’anni fa nessuno volle fare ed ora… è pure peggiorata!

Chiudo con la cover gallery:

L.

– Ultimi post simili:

16 pensieri su “[2018-11] William Gibson’s Alien 3

  1. Pingback: Enciclopedia delle Astronavi | 30 anni di ALIENS

  2. Pingback: Fumetti di Alien e Predator in Italia | 30 anni di ALIENS

  3. La saldaPress lo porterà sul mensile da settembre.
    P.S. a proposito del mensile, se leggo AvP: Three World War avendo letto solo Aliens: More Than Human ci capirò qualcosa o è necessario recuperare anche la relativa storia di Predator?

    Piace a 1 persona

  4. Pingback: Hicks (1984-2018) La biografia totale | 30 anni di ALIENS

  5. Pingback: [2019-09] Aliens saldaPress 30 | 30 anni di ALIENS

  6. Non ho letto la tua recensione perché voglio scoprirlo leggendolo sul mensile della saldaPress (il primo numero non mi è dispiaciuto), però ho visto le cover a fine post e sono una più bella dell’altra.

    Piace a 1 persona

  7. Pingback: [2019-10] Aliens saldaPress 31 | 30 anni di ALIENS

  8. Pingback: [2019-11] Aliens saldaPress 32 | 30 anni di ALIENS

  9. Pingback: [2020-07] Alien 3 di William Gibson | 30 anni di ALIENS

  10. Pingback: Storia dei fumetti alieni 10. Una pessima annata | 30 anni di ALIENS

  11. Pingback: [2021-08] Alien 3: The Unproduced Screenplay | 30 anni di ALIENS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.