[1979-09] Dan O’Bannon su “Fantastic Films” 10

Dan O’Bannon durante la lavorazione di Alien

Traduco questo articolo apparso sul numero 10 (settembre 1979) della rivista “Fantastic Films“: si tratta di una intervista telefonica svoltasi il 30 gennaio precedente.

Si tratta di un testo incredibile e rarissimo. Ogni fonte successiva considera Alien un film di Ridley Scott, come se l’avesse inventato, voluto e realizzato lui: questa è una preziosissima e rarissima occasione di ascoltare la voce del vero papà del film.
Quindi, sapendo quello che avverrà in seguito – cioè l’accantonamento quasi totale – va giustificato la “leggerissima” amarezza che trasuda da queste parole…


Dan O’Bannon su Alien

di Ed Sunden II

da “Fantastic Films” n. 10 (settembre 1979)

L’autore della sceneggiatura di “Alien”
ci racconta il suo pensiero

Fantastic Films: Hai un nuovo film in uscita, “Alien”.

Dan O’Bannon: Giusto.

E per colpa sua sei passato per ogni tipo di guai e problemi.

Già. Ho scritto la prima metà di Alien nel 1972. Stavo sfogliando le mie note, ho tenuto un diario per gli ultimi dieci anni circa.

All’epoca avevo scritto la prima metà ma non avevo ancora un titolo. In quel periodo stavamo ancora lavorando a Dark Star e il film deriva da alcuni elementi di quello. Mentre eravamo eravamo ancora a metà lavorazione di quel film era come sio avessi l’idea per un prodotto parallelo: lo stesso film, ma in un’ottica completamente diversa.

Perché non hai diretto tu “Alien”?

Lo stavo per fare, ma il mio collega Ron Shusett ha voluto rivolgersi agli studios, e con quelli non c’era speranza di dirigere. Nel 1976 avevo una carriera davvero pessima ed ero in pieno tracollo finanziaro: ero in una situazione davvero terribile…

Ron Cobb mi ha detto che dormivi sul divano di Shusett.

Già, è vero, è il periodo in cui crollò il progetto Dune. E incidentalmente ho sentito che Dino DiLorentis [scrittura errata di Dino De Laurentiis. Nota etrusca] ora ha ripreso il progetto in mano, ma potete scommettere che non sarà lo stesso film che voleva fare Jodorowsky.

Quindi io dormivo sul divano e non avevo alcuna prospettiva: era una situazione terribile. Non potevo rimanere sul divano a lungo, quindi mi sono dato una scrollata dalla depressione e mi sono detto che dovevo fare qualcosa. Volevo scrivere un copione.

Dopo aver mercanteggiato un po’, io e Ron ci mettemmo d’accordo per fare qualcosa insieme. Io dissi «Ho una grandiosa metà di un copione che non ho idea di come completare», e glielo passai per leggerlo. Lui ci pensò e rispose: «Ricordo che avevi avuto un’altra idea per un film, e non era fantascienza né un film sullo spazio». Si riferiva ad un’idea che avevo chiamato Gremlins, su un bombardiere B-17 della Seconda guerra mondiale che bombardava Tokyo in una missione notturna sotto la pioggia.

Durante il ritorno attraverso il Pacifico verso l’isola base, i Gremlisn entrano nell’aereo. E i soldati devono cacciare fuori questi esseri. Lui disse: «Perché non usi quello come seconda metà? E trasporta tutto su un’astronave». E io dissi: «Sì, può funzionare: è grandioso».

Cominciammo a lavorare al soggetto, e io scrissi per circa tre mesi con continue discussioni ed io sempre a ticchettare alla macchina da scrivere. Con tutti i miei effetti personali chiusi in garage, tranne una scrivania, una cassettiera e una sedia, piazzati nella stanza di Ron per poter lavorare. E la mia macchina da scrivere portatile. Scrissi tutto convinto che l’avrei diretto io. L’avrei fatto per circa mezzo milione, ma alla fine Ron ha voluto rivolgersi agli studios: è andata al primo colpo, ma così l’idea di dirigerlo io era fuori discussione.

Chi si è preso il progetto, la Brandywine?

Sì, è stato venduto alla Brandywine Productions da un tizio di nome Mark Haggard. Ronnie Shusett ha fatto un accordo con lui: se avesse trovato qualcuno disposto a finanziare il film, avrebbe ricevuto una certa cifra. Haggard conosceva Walter Hill e l’ha venduto alla sua società, la Brandywine, che aveva con Gordon Carroll e David Giler.

Hanno letto il copione, ci hanno chiamato e Gordon ci ha detto: «Abbiamo letto 300 copioni e questo è il primo sul quale concordiamo tutti». Okay? Un bel complimento. Così ci hanno fatto un contratto, e abbiamo iniziato a mercanteggiare, per almeno un mese. Alla fine abbiamo stipulato un contratto d’opzione, e hanno portato il film alla Fox, casa che si è subito mostrata interessata. La Brandywine ha esercitato l’opzione ed è stata una sorpresa, perché era la prima volta nella mia vita che avevo un’opzione saldata. Ho venduto molte opzioni che poi mi sono sempre tornate indietro. Non ho mai ricevuto denaro in contanti.

Tipico: succede ogni volta.

Cosa succede?

Opzioni restituite. Considera che probabilmente la metà di tutto ciò che ha scritto [Robert H.] Heinlein è stato prima o poi opzionato, e con l’eccezione di una sola storia è tornato tutto indietro. [Perché in pratica non sono mai stati film dalle opere di Heinlein con l’autore in vita. Nota etrusca.]

Be’, questa volta l’opzione non è tornata indietro. Ci hanno pagato soldi in bocca! Era interessante perché quei soldi arrivarono giusto in tempo per pagare le mie spese mediche. Avevo accumulato tanto stress e non mi ero preso cura di me, così mi vennero dei terribili disturbi di stomaco nel 1977: in quel periodo feci dentro e fuori dall’ospedale. Poi la Fox mi ingaggiò e mi mise a salario per lavorare all’intero film. Quindi ingaggiai Ron Cobb e chiesi Chris Foss, che era in Inghilterra: lo chiamarono e gli pagarono il volo.

Avevi lavorato con Foss al progetto “Dune”?

Sì. Avevo cercato di avere Cobb per Dune, ma non ha mai funzionato, quindi avevo un debito con lui, che aveva fatto le valigie alla mia chiamata e invece era rimasto fregato. Sentivo di dovergli un favore e quindi ho fatto di tutto per averlo in Alien. Ma naturalmente la ragione principale è che Ron è bravissimo.

Ron ha dato spunti continui al film sin dall’inizio. Ci ha dato uno degli elementi principali della storia. Il mostro ha sangue acido nelle vene ed è una delle ragioni per cui non può essere colpito, altrimenti il sangue corroderà l’astronave: quella è stata un’idea di Ron e voglio che lo sappiano tutti.

Credo che entrambi concordiamo sul fatto che Ron sia incredibile!

E io ci ho passato insieme un’intera estate, negli uffici, a progettare il film.

Hai passato sette mesi a progettare prima che loro trovassero un regista?

No, avevano già un regista: Walter Hill. Sin dall’inizio era stata data a lui la regia del film, ma nell’estate del ’77 Hill ha rinunciato ad Alien per andare a fare Driver, l’imprendibile, lasciando la casa senza un regista.

Così hanno preso Ridley Scott?

No, non è stato così veloce. Gordon ha dovuto cercare in giro altri registi, e proprio nel momento in cui quelli del Directors Guild sono scesi in sciopero, rimanendoci per mesi. Tutto ciò che potevamo fare era una lista di nomi, da contattare quando poi fosse finito lo sciopero. Lo sciopero finì, presero la lista e dissero: «Prendetene uno». Il primo della lista era Ridley Scott.

Ricordo di aver ricevuto questa telefonata da Gordon Carroll. Disse: «Devi incontrare Ridley: ti piacerà». Ero molto scettico perché a quel punto avevamo delle difficoltà. Io andai e lui era lì. Ronnie Shusett l’aveva già contattato e gli aveva mostrato una copia della sceneggiatura originale, perché Giler ed Hill avevano iniziato a riscriverla. Eravamo seccati dal contenuto di quella riscrittura. Ridley lesse il copione originale e disse «Oh sì, dobbiamo tornare alla prima versione, assolutamente». Quindi toccò a Giler ed Hill essere seccati. Il risultato fu che l’intero progetto si trasformò in una battaglia di schieramenti, ognuno dei quali voleva una versione del film.

Ed eravate tutti coinvolti inestricabilmente?

Sì, inestricabilmente. E credimi, amico, io ero coinvolto assolutamente, perché se ci fosse stato un modo per farmi fuori dal progetto sta’ sicuro che l’avrebbero usato. Ero per loro una spina nel fianco.

Ricordo di essermi ritrovato ad affrontare quello che chiamavo un dilemma morale. Il mio agente, il mio manager e chiunque sia andato a lavorare al film in Inghilterra mi ha detto: «Assicurati di non entrare in conflitto con nessuno, perché sono tutti importanti, è il tuo primo progetto serio e si tratta di un grande studio. Assicurati di farti tutti amici». Arrivato in Inghilterra ho scoperto che la confusione era tale e la sovrapposizione di voci così rumorosa che non riuscivo a farmi sentire senza diventare odioso.

Quindi alla fine mi dissi: “Va bene, andrò contro il buon consiglio per la mia carriera e inizierò a litigare”. E il mio ragionamento è stato che volevo continuare a dormire la notte, che non volevo un giorno guardare indietro e dire. “Sai, Alien fa schifo, ma se avessi combattuto magari sarebbe stato migliore”. E così lottai, anche se era la cosa tatticamente sbagliata da fare.

Ci sono varie ispirazioni per Alien, come per esempio Dark Star. Un’altra fonte è stata quando ho incontrato H.R. Giger quando lavoravamo a Dune e ho dato un’occhiata al suo libro fotografico: al mio ritorno in America ero ancora rapito dal suo lavoro. Mi è rimasto in mente e quando ci siamo seduti a fare Alien ho finito per visualizzare la cosa come un dipinto di Giger. E scrissi il copione. Ma stavo pensando ad un film da mezzo milione di dollari girato qui a Los Angeles: non c’erano soldi per coinvolgere Giger, quindi mi resi conto che non l’avrei mai avuto. Quindi all’inizio avrei fatto fare la creatura a Cobb – lui è superbo – ma in realtà nella mia testa stavo pensando ad una storia che non si adattava a nessuno dei mostri di Cobb. Quando invece le cose sono salite di livello, il primo che ho iniziato a spingere con la produzione è stato Giger. Ci è voluto un sacco di tempo, loro davvero non volevano ingaggiarlo perché non era un professionista del cinema, era tipo una scheggia impazzita di Zurigo. Volevano qualcuno che avesse già fatto prima quel lavoro, qualcuno su cui potessero contare.

Ridley entrò nel progetto mentre Ronnie era impegnato la stesura originale del copione ed io ero occupato con i lavori di Giger. Ridley vide la roba di Giger e rimase colpito. Disse: «Questo è lui! [This is it!]». Vinsi così una delle partite più importanti.

Proprio su questo divano avevo avuto la visione di un film fanta-horror basato su un mostro creato da Giger e alla fine stava accadendo. E coincidenza vuole che abbiano scelto proprio lo stesso disegno che mi era rimasto in mente, proprio uno dei lavori di Giger che volevo fosse la base del mostro. In seguito Ridley si stufò dei lavori di Giger e trovò altra fonte di ispirazione da cui far partire Giger, e quello che l’artista alla fine creò lo stesso era davvero simile all’idea che io mi ero fatto e che non avevo mai descritto. Ero così felice di avere Giger a bordo che qualsiasi cosa lui creasse era perfetta, per me.

Mi è stato detto che Giger ha costruito personalmente il mostro.

Di sicuro l’ha fatto, ed ha avuto l’aiuto di esperti perché c’erano alcuni tipi di lavorazioni, come quelle in gomma, che dubito abbia fatto proprio lui. Ma era una grandissimo artigiano.

Era una visione emozionante. Giger si truccava apposta per assomigliare ad una specie di vampiro, vestiva di pelle nera, aveva capelli neri, occhi neri e una pelle molto bianca: non si toglieva mai la sua giacca di pelle nera, neanche quando lavorava alle sue sculture in un angolo del teatro di posa.

Voleva materiali scultori ma anche ossa: tante ossa quanto potessero contenerne le sue mani. Gli compravano tutti i materiali medico-veterinari che chiedeva e in breve il suo studio divenne un ossario. Gli fornirono un teschio di rinoceronte e tre dei più perfetti teschi umani che io abbia mai visto in vita mia: dovevano essere stati presi da una persona vivente, per essere così perfetti. Credo che costarono sui 700 dollari l’uno.

Ha ottenuto scheletri di serpenti in perfetta preservazione, e vecchie ossa prese in un mattatoio, e finalmente iniziò la scultura.

La prima cosa che fece Ridley fu di chiamare dei contorsionisti: voleva vederli camminare in ogni possibile posizione per vedere se potevano essere usati con un costume addosso. Ha avuto due contorsionisti legati insieme a camminare. Poi tre, finché decise che era tutto troppo scomodo.

Comprò questo enorme e costoso libro fotografico di una qualche parte dell’Africa, con foto di nativi che avessero ancora qualcosa di primitivo nel loro stile di vita. C’erano tutte queste splendide foto a colori di indigeni altissimi e nerissimi, con muscoli guizzanti. Erano aggraziati, quasi sensuali e allo stesso tempo potenti e belli, quasi eterei, quasi non umani.

Quell’immagine si fissò a fuoco nella mente di Ridley, gli piaceva quella grazia e quella forza. Voleva che Giger provasse a craere quel tipo di essere.

Poi trovarono il loro attore, questo africano di più di due metri di altezza. [Il nigeriano Bolaji Badejo, morto a quarant’anni nel 1992, giusto “in tempo” per mettere nei guai la produzione del terzo film alieno. Nota etrusca.]

Quindi il mostro fu disegnato addosso ad una persona, più che da un tipo idealizzato di umano?

No, il mostro deriva più da quelle foto di persone nubiane.

Quello che ci piaceva era la grazia di questi neri, e Giger era molto sensibile alla grazia, anche se di un tipo differente. Giger amava il grottesco. Quindi iniziò a costruire questa figura aggraziata, con i tubi dappertutto, piaghe e articolazioni e pustole marcescenti e forme strane e costruendo e inventado cose ancora più bizzarre.

Il reparto gesso prese un calco dell’attore, a corpo intero e inchinato sulle punte dei piedi, e Giger lo portò nel suo studio iniziando ad applicarci argilla ed ossa, un dotto dell’aria condizionata, viti e teschi umani: la faccia della cosa è un vero teschio umano. Giger ha preso uno dei teschi, l’ha avvitato al centro della testa e ha iniziato a modificarlo.

Era un teschio umano bellissimo, sai? Era appartenuto ad una vera persona, non era una di quella roba di plastilina per modellismo. Allungò la mascella e costruì nuove estensioni ovunque: e lo faceva su un vero teschio umano.

Quando alla fine ha finito, hanno preso un calco del risultato, l’ha fatto un vero artigiano, e poi hanno colorato il calco con la vernice.

Sembra inquietante.

È tremendo. Avevo le mani contorte, credo fermamente che la creatura di Alien abbia un aspetto assolutamente unico. Penso che sia due spanne sopra a qualsiasi mostro cinematografico mai visto prima. E molti di loro sono ottimi, come quello da Il mostro della laguna nera (1954) o Cittadino dello spazio (1955), con la creatura con il cervello esposto. Alcuni di loro sono spettacolari ma davvero credo che questo sia un passo più avanti. Credo che nessuno abbia mai visto qualcosa di simile.

È stata mantenuta l’originale grazia dell’attore

Be’, oh, quel tipo di grazia sì.

Non è stata troppo offuscata da Giger…

No, no, assolutamente. Giger ha un grande senso della grazia, ma ovviamente quella dei movimenti dell’attore si è persa, essendo il costume molto complesso da muovere. Ridley è stato costretto a mettere in scena tutto il disagio fisico. L’attore non era in grado di compiere molte mosse in maniera fluida, ma la grazia rimane, anche se molto differente.

Ron [Shusett] ha detto che durante alcuni dei giornalieri, specialmente durante alcune delle sequenze più sanguinolente, è stato interdetto l’accesso al set a tutto il personale non coinvolto nelle riprese.

Questo non riguardava me. (ride)

Ho sentito che sono state scene molto forti. Quando sul set vedi tutti i tecnici sono coperti e le cineprese avvolte dalla plastica… vuol dire che qualcosa sta succedendo.

È stato grandioso. Il giorno delle riprese mi ero riservato una poltrona in prima fila. Andai sul set di mattina molto presto e guardai in giro dove avevano posizionato le cineprese: così trovai il posto migliore dove mettermi seduto, senza mai scollarmi di lì.

C’era un sacco di gente ad assistere a quella ripresa, tanti coinvolti nel film arrivarono e rimasero a guardare, intrigati.

La Fox stava dando un sacco di problemi a Ridley perché aveva iniziato troppo lentametne, le prime settimane di riprese erano andate a rilento ed ora dovevano correre. La ragione della lentezza risiedeva nell’aver sbagliato la tempistica per ideare e costruire i set, e il primo giorno di riprese non c’era un solo set pronto. Quindi Ridley ha perso tempo e la produzione si è lamentata.

Proprio all’inizio delle riprese dovevano girare quella scena, molto sanguinolenta. Non vorrei dire troppo per non rovinare colpi di scena: sai di che tipo di scena stiamo parlando?

Non è stata descritta.

Bene, pensavo la conoscessi. Rimarrò sul vago, perché la scoprirai al cinema.

Certo.

Per ovvie ragioni non voglio che gli spettatori sappiano cosa aspettarsi. Anche i produttori pensano la stessa cosa, e non vogliono che la scena finisca in TV.

Quindi io ero lì, a guardare quella scena, e mentre la Fox lo bacchettava perché era troppo lento lui [Ridley] si prendeva un’intera giornata per girare un’unica sequenza brevissima. Io ero lì e loro avevano tre cineprese impostate per poter catturare la scena da ogni angolazione, e tutte le cineprese erano coperte da teli di plastica.

Le lenti erano ricoperte da vetro ottico come le telecamere subacquee e sia Ridley che il direttore della fotografia, così come tutti i tecnici, indossavano impermeabili tirati su fino al collo. Ci vollero tre o quattro ore per preparare l’attore coinvolto nella scena, perché c’era della roba meccanica da sistemare. Intanto gli altri attori non erano sul set: non so dove fossero, avevano una stanza in cui gli attori potevano aspettare e parlare fra di loro. Poi li fecero arrivare quanto tutto era pronto. Tutto ciò che loro fecero fu di camminare, guardare tutti quegli impermeabili, quelle macchine idrauliche e quei teli di plastica.

Guardai Sigourney Weaver, che era la protagonista, vidi la sua faccia mentre si guardava in giro, e sembrava un po’ spaventata. Gli attori sembravano molto a disagio quando videro la scena, perché sembrava che si stessero preparando per un’eruzione vulcanica.

Non so se lasceranno quella scena nell’edizione definitiva del film, diventano parecchio fifoni in sala di montaggio.

La quantità di sangue era ineguagliabile. Vidi Veronica Cartwright venire ricoperta di sangue dalla testa ai piedi ed urlare come una matta, poi cadere indietro su un tavolo tenendosi la testa.

Cosa stavano usando?

Non lo so, sangue artificiale, non vero sangue. Poi due persone presero Veronica Cartwright e dovettero aiutarla ad uscire dal set, che le tremavano le gambe. Era inzuppata, con tutti i vestiti appiccicati a lei, e i capelli bagnati di rosso: era davvero vicina ad un attacco isterico.

Venti minuti dopo tornarono, l’avevano lavata e sistemata, dandole un duplicato del costume e lei sembrava la stessa, ma un po’ più impaurita. Io andai da lei e le dissi: «È stato davvero grandioso. Stavi recitando?» Lei mi guardò e rispose: «Be’, sono uscita un po’ di testa». L’ho vista ne L’invasione degli ultracorpi (1978), che è appena uscito: non ho fatto in tempo a vederla lì, prima di Alien. Era una dei migliori attori di quel film.

Hai visto il montaggio finale del film

No, non ancora.

Da tutto quello che hai visto, della produzione e dei giornalieri, pensi sia il tuo film? È proprio così che lo volevi?

No.

Cos’è cambiato di così fondamentale?

Tutto.

Puoi farmi un paio di esempi?

Hanno cancellato dal copione uno degli elementi principali.

Puoi spiegare?

Nel film, i terrestri scoprono un relitto spaziale. In realtà no, non è corretto. Nel film, gli uomini scoprono una costruzione di fattura non umana e all’interno di essa trovano uova che, si scoprirà, appartengono ad un mostro. Nella sceneggiatura originale gli uomini trovano un’astronave naufragata e vi entrano; scoprono che l’equipaggio alieno è tutto morto. Tornano alla propria nave a pensare cosa possa averli uccisi e lo scoprono nello stesso modo. Nella nuova versione è una specie di mystery surrealista.

E la minaccia è quello che trovano nella cosruzione aliena?

Sì. Quindi per il film hanno fuso un po’ le storie, hanno fatto dei cambiamenti in meglio, e ci sono stati anche dei miglioramenti.

In quale direzione?

Credo che abbiamo reso più piacevoli i personaggi. Alcuni dei dialoghi sono stati asciugati rispetto alla sceneggiatura originale. Credo che alcuni dei disegni che Ridley ha vagliato differiscano perché il suo stile è molto forte, sullo schermo.

Tu mi hai chiesto se è il mio film, e io ho detto no. E tu hai chiesto in che senso e io ho detto in tutti i sensi. Mi hai chiesto di identificare una delle cose che mi hanno disturbato di più, e in realtà non tutto ciò che è diverso mi ha disturbato.

Molte vanno bene?

Ridley aveva il suo stile sontuoso, sensuale e visionario; ed io penso che Ridley sa uno “dei buoni”. Penso davvero che lui fosse l’ultimo anello della catena che ha permesso al film di uscire bene. E così un sacco del design e della parte visiva, sebbene non siano come io li ho pianificati, sono grandiosi. Semplicemente sono diversi. Inoltre, non è tutto merito di Ridley: lui ha semplicemente imposto più forte la propria visione su quella degli altri. Ora, questo potrebbe aver prodotto un film fortemente autoriale, che probabilmente spingerà i critici a considerarla una visione del futuro di Ridley. E in effetti lui ha una visione del futuro, ma è solo il distillato dei contributi di tutti gli altri che sono venuti prima di lui, ecco la sua visione.

Praticmente, Cobb e Foss, e Giger e te…

E Ronnie Shusett. Può sembrare che sto sminuendo Ridley, ma non è così.

No, no, suona come un omaggio. Qual è il prossimo progetto?

Sto scrivendo un romanzo, intitolato They Bite.

Di cosa parla?

Be’, in pratica è Alien solo molto meglio, decisamente differente. Si tratta di un’altra storia con un mostro ma con un soggetto differente. Migliore. Mi sono messo a scriverlo perché volevo prendermi una pausa dal cinema, volevo scrivere un libro e così mi sono detto: che diavolo, perché non usare quel materiale che già hai ora a disposizione? Così scriverò un libro. Un horror con un mostro.

Perché non un altro film?

Potrei scrivere un altro copione, da dirigere io stesso, ma stavolta non finirei in tutti i problemi di Alien. È incredibile, nel settembre dell’anno scorso ho iniziato a negoziare e ad avere problemi per avere il nome nei crediti. Giler ed Hill volevano questi crediti: “Sceneggiatura di Walter Hill e David Giler, basata su una sceneggiatura di Dan O’Bannon da un soggetto di Dan O’Bannon e Shusett”. Ma Ridley non ha filmato la riscrittura di Hill e Giler, ha girato la mia sceneggiatura.

Quindi andai alla Writers Guild per un arbitrato. Un venerdì ricevetti una chiamata dalla WGA che mi diceva che avevano deciso in mio favore. Poi subito dopo mi dissero che Hill aveva immediatamente fatto appello a quella decisione. Finalmente dopo mesi e mesi di problemi la WGA ha deciso per dei nuovi crediti: “Sceneggiatura di Dan O’Bannon da un soggetto di Dan O’Bannon e Ron Shusett”. Avevo ottenuto giustizia. Non so come andrà con i miei crediti per il design, ma vedremo. [Ha ottenuto di apparire come visual design consultant. Nota etrusca.]

Il problema con gli affaristi è che a un sacco di loro non importa di fare buoni film, e sebbene anzi non capiscano nulla di film insistono per farne a modo loro. È gente che dice: “Non capisco niente di questa roba, e non mi piace”, allora la riscrivono, cambiano tutto ciò che hai fatto e non ti fanno fare nulla. È questo che mi fa infuriare. Gente del tipo “Sei mesi fa non sapevo neanche come si scrive autore ma ora lo sono”. [In originale la frase è volutamente sgramaticata. Nota etrusca] Ho una dritta per te, ed è qualcosa che finalmente ho imparato, e che mi infastidisce profondamente.

Ho finalmente capito questo: i film sono divertenti da guardare, ma tutt’altro che divertenti da fare. Sono divertenti da elaborare, da pianificare nella tua mente… la parte migliore è quando pensi all’organizzazione del tuo film. E tu vedi il film dentro di te… Almeno per me è la parte migliore. Quello è stimolante.

Poi cerchi di fare il film e i troll arrivano. E i troll hanno i soldi.

«Ooo-ahahah-ooog! Io possedere tue palle, io voglio tua linfa vitale, ummm, io produttore, io voglio succhiare tua vita, sputare via tutto buono, ummm, sputato tutto, datemi altro artista, io fame.»

Be’, spero che la versione distribuita in sala ti piacerà.

Lo spero anch’io.


L.

– Ultimi post simili:

18 pensieri su “[1979-09] Dan O’Bannon su “Fantastic Films” 10

  1. Grandiosa intervista! Hai scovato una chicca! Il “Dune” mai girato da Jodorowsky ha radunato la squadra che ha lanciato la carriera di Scott, merito a tutti niente da dire, ma Dan O’Bannon è “The Man”, i suoi meriti gli sono stati riconosciuti solamente in parte, ma il vero architetto era lui, l’amarezza si legge tutta nell’intervista. Cheers

    Piace a 1 persona

  2. Intervista-chicca interessantissima sul reale ruolo che ebbe Dan O’Bannon nella genesi di Alien… e dove peraltro si anticipano purtroppo anche le prime, serie avvisaglie (allo stomaco) di quel dannato morbo di Crohn per il quale molti anni dopo ci lascerà la pelle 😦
    Se non sbaglio, il suo Gremlins è stato poi rielaborato nell’episodio del film Heavy Metal (1981) intitolato “Rescue Zone” con il terribile Loch-Nar al posto dei folletti…
    P.S. Mi sono dovuto assentare qualche giorno e il mio fido portatile ha deciso di non essere più fido proprio in quell’intervallo di tempo, per cui recupererò i tuoi post (e nel frattempo spero di recuperare anche il portatile, che se dovessi andare via di nuovo sarebbe la medesima grana) 😉

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: La Storia di Alien 0. Introduzione | Il Zinefilo

  4. Pingback: La Storia di Alien 0. Introduzione | 30 anni di ALIENS

  5. Pingback: La Storia di Alien 2. Persi tra le Dune | Il Zinefilo

  6. Pingback: La Storia di Alien 2. Persi tra le Dune | 30 anni di ALIENS

  7. Pingback: La Storia di Alien 4. La prima sceneggiatura | Il Zinefilo

  8. Pingback: La Storia di Alien 4. La prima sceneggiatura | 30 anni di ALIENS

  9. Pingback: La Storia di Alien 5. Il Re della Collina | Il Zinefilo

  10. Pingback: La Storia di Alien 5. Il Re della Collina | 30 anni di ALIENS

  11. Pingback: La Storia di Alien 6. Chi ha scritto Alien? (1) | Il Zinefilo

  12. Pingback: La Storia di Alien 6. Chi ha scritto Alien? (1) | 30 anni di ALIENS

  13. Pingback: La Storia di Alien 11. Mostri in azione (1) | Il Zinefilo

  14. Pingback: La Storia di Alien 11. Mostri in azione (1) | 30 anni di ALIENS

  15. Pingback: La Storia di Alien 13. Reazioni | Il Zinefilo

  16. Pingback: La Storia di Alien 13. Reazioni | 30 anni di ALIENS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.