Citazioni aliene: Balle spaziali (1987)

Oggi è un anniversario particolare: sono trent’anni dall’uscita nei cinema italiani del film Balle spaziali (Spaceballs, 1987) di Mel Brooks.
Festeggiamo insieme a:

  • La Bara Volante“, che recensisce il film alla maniera di Cassidy
  • Il Cumbrugliume” con tutti i motivi per vedere il film
  • CineCivetta” illustra la sua (breve) esperienza con il film
  • IPMP“, che presenta la locandina italiana d’annata

Quello che qui interessa è ovviamente la celebre sequenza che ricrea, con dovizia di particolari, il film Alien (1979) e la prima apparizione del nostro xenomorfo preferito.

Mel Brooks ha scritto una grande pagina di cinema riuscendo a trasformare una delle scene più spaventose dell’epoca in una irresistibile parodia, con protagonista lo stesso John Hurt (buon’anima).
Da notare che la Ripley del film è interpretata da Camille Hagen, nota anni prima per essere la moglie del piccolo attore Hervé Villechaize.

(MGM/©MGM/COURTESY EVERETT / EVERETT)

L’attore di colore – non sono riuscito a scoprire il suo nome – racconta una storia divertente prima che Hurt inizi a rantolare: storia che cambia nel doppiaggio italiano:

Film originale (tradotto da me):

Insomma, ci eravamo persi, nessuno di noi sapeva dove eravamo. E allora Harry cominciò a guardarsi intorno fra gli alberi, e poi disse «Ho capito: siamo su Plutone (Pluto)». E noi subito: «Harry, ma come fai a dirlo?» E lui: «Dall’abbaio, scemi.»

Film in versione italiana:

Insomma, ci eravamo persi, nessuno di noi sapeva dove eravamo. E allora Harry cominciò ad andare in giro a cercare di capire dov’eravamo. Poi dice: «Ho trovato: siamo al cesso!» Dico: «Harry, come fai a saperlo?» E lui: «Dalla puzza, temo.»

Come se non bastasse la citazione aliena, Mel Brooks decide di divertirsi a trasformare la scena… nel modo più froggy!
Il chestburster cambia l’espressione da grugnito a sorriso, prende cappello e bastone e si lancia nell’esecuzione di Hello! Ma Baby (1899), canzone che nel 1955 aveva reso immortale un cartone animato della Warner Bros: One Froggy Evening.

Il personaggio si chiama Michigan J. Frog, è una rana dalle potenti doti canore ed un’innata propensione per l’avanspettacolo.

C’è però un problema: si esibisce davanti al tizio che l’ha trovata. Appena questi la mostra in giro, quella rimane una semplice rana: il che fa impazzire, cartone dopo cartone, il suo povero padrone.

Nel 2012 arriva anche in Italia la collana “Looney Tunes Collection” (Warner Bros e Hobby&Work), serie di splendide statuine dei celebri personaggi Warner: il numero 29 presenta la splendida rana in posa da spettacolo.

Rimane il mistero su chi sia la voce che canta la canzone, i cui diritti la Warner acquisì pare nel 1929: sembra certo che non fu Mel Blanc a cantare in quel cartone del 1955, e nessuno ha mai scoperto l’autore dei versi che sentiamo anche dal film di Mel Brooks.

Peccato che il cinema si limiti a derubare l’universo alieno, invece di divertirsi a citarlo in modo così geniale…

L.

– Ultimi post simili:

14 pensieri su “Citazioni aliene: Balle spaziali (1987)

  1. Perfetta analisi, sapevo che il compleanno di “Balle spaziali” sarebbe diventato materia per il tuo blog alieno 😉 Il genio di Mel Brooks sta nel suo sapersi affiancare al materiale originale, ormai nella mia testa “Hello! Ma Baby” è diventata la canzoncina dello Xenomorfo, con buona pace della ranocchia 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Fred Alienstaire è una delle citazioni più belle di cui è letteralmente infarcito quel capolavoro di Mel! Mi manca di averlo visto in lingua originale, ma tanto è previsto in proiezione a casa tra qualche anno con i miei piccoli padawan! Non possono ignorarlo!

    Piace a 1 persona

  3. Impagabile John Hurt con quel suo “Oh, no… ancora!” 😉
    La statuetta di Michigan J. Frog non ce l’ho ma, in compenso, almeno ho i cartoni in cui appare… e, con la tua analisi, mi hai fatto venire in mente quello che potrebbe essere il contrappasso comico di Covenant: uno xenomorfo che pilota la nave, programma i computer, legge i quotidiani, tiene in ordine, fa manutenzione, cucina, stira, lava, balla ecc. cantando “Hello! Ma baby” ma SOLO in presenza di Walter/David. In presenza dell’equipaggio di una nave recupero della Weyland-Yutani, l’alieno si produce ripetutamente in uno stolido “CROAK” facendo così fare una gran figura di merda al proprio mentore sintetico 😀

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.