[1993-12] Predator: Bad Blood

Cover di Derek Thompson

Mi è davvero difficile parlare di Bad Blood – saga iniziata nel dicembre del 1993 ma anticipata già ad agosto – perché so che è molto amata dai fan del Predator, essendo anche uno dei rarissimi fumetti del personaggio giunti in Italia.
Il problema è che come sceneggiatore la Dark Horse Comics sceglie Evan Dorkin, che era il disegnatore di Big Game (1991): non è che sia facile eccellere in entrambi i ruoli…

Quel che peggio però è che chiama ai disegni un inguardabile Derek Thompson, che disegna quattro albi che onestamente mi fanno male agli occhi, con i loro corpi distorti e le inquadrature grandangolari.

Cover di Derek Thompson

Dulcis in fundo, quando la PlayPress porta il fumetto in Italia nel dicembre del 1994 – raccogliendo in due uscite le quattro originali – la traduzione del fidato Michele Camarda subisce un lettering da denuncia: il testo italiano è scritto in una fonte orripilante del tutto illeggibile… ma allora ditelo che non volete proprio che i fumetti alieni “sfondino” in Italia!

La trama è semplice: un guerriero Bad Blood finisce sulla Terra e comincia ad ammazzare tutti. Arriva un Blooded Warrior per fermarlo e mentre i due si prendono a mazzate spaziali ci sono degli umani che fanno e dicono cose banali.
Nell’agosto del 1993, sul numero 12 del mensile “Dark Horse Comics“, la saga viene anticipata da un prologo in tre puntate (scritto nel 1992, stando alla firma sulla copertina) che racconta la caduta sulla Terra del Bad Blood e il massacro di uomini che nella saga vediamo già compiuto.

La vera particolarità della saga è che fra i tanti inutili personaggi umani che vengono spazzati via dal Predator ce n’è uno che rimane in vita: Mandy Graves, che proprio questo giugno 2017 riappare nel mondo Dark Horse proprio fra i sopravvissuti agli attacchi alieni della splendida saga Predator: Hunters.

La donna viene ferita ad una mano e quando vede atterrare una navetta Predator è convinta che sia spacciata: si punta una pistola alla tempia e…
La ritroviamo qualche vignetta più avanti con una protesi alla mano… con su il simbolo del clan del Predator buono! Per ringraziarla del suo aiuto, a quanto pare le è stata rimpiazzata la mano stritolata dal Bad Blood.
Non è chiaro se sia solo una fasciatura o una mano robotica: nella saga Hunters ha una mano “normale”, ma magari più avanti verrà spiegata la questione.

Mandy Graves: unica superstite

Trovata fortunosamente su bancarella una decina d’anni fa, questa saga onestamente non l’ho mai amata: è bella l’idea di fondo ma la sceneggiatura la trovo fiacca e i disegni offensivi: dalla Dark Horse mi aspetto molto di più…

Chiudo con la cover gallery:

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

2 pensieri su “[1993-12] Predator: Bad Blood

  1. Eh, io sono uno di quei fan dal che lo presi in edicola, in quel lontano 1994 😉
    In genere distorsioni e grandangoli non fanno impazzire nemmeno me, ma trovo che qui il tratto di Thompson fosse “intonato” con l’aggressività del personaggio principale…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...