Fumetti alieni in Italia nel 2017

saldapress_testata_962x180

Grazie a Guardian del forum Alien Predator Italia scopro che la casa editrice italiana Saldapress – nome molto noto per aver tradotto la saga di The Walking Dead – ha annunciato l’intenzione di portare in Italia alcuni “fumetti xenomorfi” a partire dall’aprile 2017, in occasione cioè dell’uscita di Alien: Covenant.

L’annuncio risale al 6 febbraio scorso, e lo ripeto qui di seguito, prima però una parentesi personale

Un paio di considerazioni personali

Sono ovviamente felicissimo che dopo tanti anni l’editoria italiana torni ad interessarsi in modo concreto all’universo dei fumetti alieni – che trovate schedati, in continuo aggiornamento, nella mia Enciclopedia del Fumetto Alieno – e non solo riguardo novelization e numeri sparsi legati a film.

Cover di Mark A. Nelson

Cover di Mark A. Nelson

Però dubito fortemente che l’interesse del distratto ed ostile pubblico italiano farà raggiungere quel consenso tale all’iniziativa da spingere la Saldapress a continuare davvero sulla sua strada. La stragrande maggioranza di chi si professa “fan di Alien” in realtà parla solo dei film e non vuol sentir neanche nominare i fumetti: è come per i fumetti di James Bond, non esiste “esperto” che li prenda anche solo in considerazione (spesso ignorandone bellamente l’esistenza).

Visto che sono considerati “non canonici” – a torto, visto che i fumetti devono sottostare a ferree imposizioni dalla Fox a cui non si sentono minimamente legati i registi, che sparano cacchiate a destra e a manca senza che nessuno li fermi! – i fumetti rischiano di essere considerati merchandising dai fan italiani, che ancora nel 2017 ignorano che da trent’anni esiste una narrativa ricchissima sull’argomento del tutto sconosciuta in Italia, ad esclusione di un numero ristrettissimo di appassionati.

Cover di Massimo Carnevale

Cover di Massimo Carnevale

Portare in italia l’edizione del 35° anniversario di Aliens. Dieci anni dopo – in pratica nella stessa versione già uscita per PlayPress nell’aprile 1991 – e non si sa neanche se sarà presente l’Introduzione di Mark Verheiden (che ho tradotto per il blog), non so quanto sia utile, visto che la maggior parte dei fan alieni di oggi è nata negli anni Duemila e pensa che Newt sia morta su Fiorina 161…

Ottima scelta invece portare Aliens: Defiance, anche perché la grafica e la storia sono fortemente legate al videogioco Alien: Isolation, che credo in Italia abbia avuto un discreto successo.

Cover di David Palumbo

Cover di David Palumbo

Sono dubbioso sull’aver scelto una lunga saga come Fire and Stone: la faranno tutta? Si tratta di 17 uscite (quattro numeri per quattro testate più un epilogo): verranno tutte tradotte? Trattandosi di una storia unica, lasceranno “moncherini” in giro?

L’articolo dice che cominceranno dalla sezione Prometheus, ed è già un errore: perché saltare la sezione Aliens che ne è l’introduzione? Già cominciamo male.

Io ovviamente comprerò ogni uscita recensendola per il blog: spero che qualcun’altro lo faccia e che l’iniziativa della saldaPress riscuota un minimo di successo…

L.

L’Alien Universe sbarca in Italia

da Saldapress.com, 6 febbraio 2017

 Aliens defiance annuncioFBUna grande novità attende tutti i fan di Alien e gli appassionati di fumetto. In coincidenza con l’uscita del film Alien: Covenant – prevista nel nostro Paese per l’11 maggio – saldaPress porta in Italia l’Alien Universe a fumetti targato Dark Horse, con una serie di nuovi cicli narrativi e la raccolta in un unico elegante volume della prima storia che 30 anni fa diede origine proprio a questo universo.

Secondo il direttore editoriale di saldaPress, Andrea G. CiccarelliSi tratta di un grande evento, in cui si intrecciano il passato, il presente e il futuro di una delle epopee più avvincenti e popolari del cinema e della narrazione contemporanea. Da più di trent’anni, infatti, l’universo di Alien mescola fantascienza e orrore per dare origine a una visione lucida e inquietante del  nostro futuro. Una visione che i fumetti targati Dark Horse espandono verso nuovi confini inediti che, come saldaPress, siamo orgogliosi di proporre ai lettori italiani con un progetto ampio e strutturato.
A inaugurare la nuova collana saldaPress dedicata alla forma di vita aliena più spietata e inarrestabile della fantascienza contemporanea, saranno due volumi e il primo albo di una serie disponibile in edicola e in fumetteria. In tutti e tre i casi, la data di uscita sarà il mese di aprile.ALIENS30esimo cover Partiamo, per ragioni storiche, dalla pietra miliare: ALIENS 30° ANNIVERSARIO. Si tratta di un volume cartonato che presenta nell’originalebianco e nero la storia scritta nel 1988 da Mark Verheiden e disegnata da Mark A. Nelson.
La storia parte dalla conclusione del film del 1986 di James Cameron per raccontare le vicende di Hicks – sopravvissuto agli xenomorfi e orribilmente sfigurato – e Newt, ormai quasi diciottenne. Toccherà a loro affrontare la minaccia degli Alien giunta sulla Terra.
FS01 PROMETHEUS coverIl secondo volume dell’Alien Universe in uscita è PROMETHEUS, il primo capitolo di FIRE & STONE, il ciclo che coinvolge in un’unica, emozionante storia tutte le properties legate all’universo di Alien (ALIENS, PROMETHEUS, PREDATOR, ALIENS vs. PREDATOR). Siamo nel 2219. Una missione di soccorso sul remoto pianeta LV-223 nasconde un obiettivo secondario: indagare sulla scomparsa 125 anni prima dell’astronave Prometheus, giunta sul pianeta per risolvere il mistero degli Ingegneri. Un’emozionante avventura che getta nuova luce sulla missione al centro dell’omonimo film di Ridley Scott.
Infine, il primo dei sei albi mensili della serie intitolata ALIENS – DEFIANCE, la più recente tra le tre pronte a debuttare in Italia. Il colonial marine Zula Hendricks guida, per conto della Weyland-Yutani, le missioni di ricognizione all’interno delle Alien Defiance cover 01navi alla deriva nello spazio. Ma quando si renderà conto che il vero scopo del suo lavoro è trovare gli xenomorfi, il suo obiettivo diventerà distruggerli prima che la Corporazione se ne impossessi. La serie ha diversi punti di forza: è scritta dal grande Brian Wood, negli USA è tuttora in corso e annovera tra i disegnatori due straordinari talenti del fumetto italiano: Riccardo Burchielli, che ha disegnato un episodio, e Massimo Carnevale, autore delle cover della serie.
Se l’appuntamento cinematografico con l’universo di Alien è fissato per l’11 maggio, quello di aprile con i fumetti dello stesso universo sarà una magnifica premessa e una sua espansione.
I volumi saranno disponibili in libreria e in fumetteria, mentre gli albi della serie mensile anche in edicola. Sempre a partire da aprile.

Annunci

12 pensieri su “Fumetti alieni in Italia nel 2017

  1. Oh sono contento della notizia, Saldapress è un editore che mi piace, cura sempre molto i volumi, inserendo un sacco di materiale extra sempre godibile. Condivido il tuo stesso scetticismo però, anche lanciare i fumetti in concomitanza del nuovo film Alieno non so quanto aiuterà. Cheers!

    Liked by 1 persona

    • La scelta è ricaduta su ottimi titoli freschi freschi, e un sogno proibito sarebbero che guardino anche agli ultimi trent’anni di inediti, ma davvero dubito che anche questi tre titoli ottengano il minimo di vendite richieste…

      Mi piace

  2. La notizia è ottima, di per sé, ci mancherebbe. Il che non toglie che anch’io condivida scetticismi e perplessità: come appassionato storico sarò della partita, ovviamente, ma quanti altri seguiranno il nostro esempio? I fan dei soli film aspetteranno l’uscita del film, appunto, senza prendere in considerazione questa nuova avventura editoriale né prima né poi (lo stesso comportamento che tenevano negli anni ’90, in pratica), e se pure è comprensibile e logico che la Saldapress abbia dovuto sfruttare Covenant come fattore di richiamo immediato per motivare maggiormente il lancio della sua collana aliena -altrimenti nessuno da noi ne avrebbe saputo nulla, ci scommetto- c’è sempre il possibile rischio di attirare lettori superficiali che si approcciano all’iniziativa pensando magari di trovare la “novelization” di Covenant a fumetti (o comunque qualcosa di strettissimamente connesso all’ultima pellicola di Scott, a prescindere dal fatto che possa essere o meno un grande successo) per allontanarsi delusi alla scoperta che si tratta di altro…

    Liked by 1 persona

    • Giustissimo. Molti fan sono “estremisti” e sono ossessionati dal canone: qualsiasi forma di comunicazione non sia un film è considerata blasfema e degna del fuoco. E’ più tollerato un portachiavi che un’opera narrativa legata ad Aliens…
      Spero vivamente che ci siano invece anche tanti curiosi che siano aperti di mente e sappiano apprezzare anche una storia non legata alla baggianate viste in video, una storia che invece è rispettosa delle regole iniziali e che sappia tirar fuori una bella sceneggiatura da elementi condivisi. A forza di vedere film il gusto si è rovinato, quindi spesso una buona storia viene ignorata mentre un filmaccio stupido (chi ha detto Prometheus?) viene esaltato.
      Spero che almeno i curiosi di Covenant qualche numero lo comprino, così magari la Saldapress procede a tradurre qualche altro inedito. Penso però alla MagicPress che nel 2004, a traino del film di Anderson, pubblicò in Italia “Aliens vs Predator: Il brivido della caccia”, una storia legata allo stesso universo del film. Una storia media – ottima azione ma un po’ inconcludente – e con ottimi disegni: non mi sembra abbia fatto breccia tra i lettori italiani…

      Mi piace

      • No, infatti. E, anche in quel caso, è altamente probabile che la maggioranza dei lettori si aspettasse di leggere “il” film a fumetti, non una storia che perlomeno si sobbarcasse l’onere di tentare un’espansione dell’universo narrativo legato al film (lo stesso universo in cui tra l’altro Newt e Hicks potevano benissimo continuare ad esistere senza entrare in contraddizione con alcunché, sempre ammesso che già ai tempi i suddetti lettori si ricordassero ancora di loro)…

        Liked by 1 persona

      • E sì che la Dark Horse si è impegnata per anni a creare un universo narrativo “non contraddicente”, ma se poi tocca sentire che Alien 3 o 4 sono più canonici dei fumetti… è come dire che “Jesus Christ Superstar” è più canonico della Bibbia perché i film vengono sempre prima! 😀 (peraltro il musical aveva azzeccato il punto di vista di Giuda, il cui vangelo si è potuto leggere solo trent’anni dopo: che davvero sia più canonico il film? 😛 )

        Mi piace

    • Spero sia un errore di sequenza del sito, perché mi sembra assurdo prendere Aliens, con una storia che si svolge nel 2179 (venti giorni prima dell’arrivo di Ripley su Acheron), e metterlo DOPO Prometheus, con una storia che si svolge nel 2219! I protagonisti di Aliens: Fire and Stone lasceranno su LV-223 situazioni che verranno trovate dai protagonisti di Prometheus: invertire gli eventi sarebbe quantomeno confusionario.
      E’ vero, il primo numero di Prometheus è uscito circa dieci giorni prima di Aliens, ma ogni singolo albo di quelle quattro testate era incastrato: pubblicare l’intera saga facendola precedere a quella di Aliens è solo creare grande confusione.
      La soluzione sarebbe riproporre l’uscita originale di lettura – quella che presentai io dal 2014 quando ho recensito ogni singolo numero in ordine – cioè pubblicare un albo alla volta, e non i quattro insieme, perché se no non si capisce niente
      Delle decine di storie inedite, hanno preso proprio la più complicata da presentare. Già i lettori italiani se ne fregano dei fumetti alieni, se poi vedono un personaggio che si trasforma e solo nell’uscita successiva si capisce perché… prevedo un insuccesso col botto!

      Mi piace

    • Speravo fosse un errore del sito, allora cominciano a perdere colpi anche alla Dark Horse 😛
      Per fortuna la storia l’ho letta albo per albo man mano che usciva, se no non ci avrei capito niente o comunque mi si bruciavano i colpi di scena 😀
      Prevedo sfraceli nelle fumetterie italiane…

      Mi piace

  3. Pingback: Saldapress Aliens: ecco le date | 30 anni di ALIENS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...