[1993-07] Shane Black su “CIAK”

ciak-1993-07-shane-black-c

Profilo dello sceneggiatore Shane Black sul numero di luglio 1993 della rivista “CIAK“. Di seguito il testo senza firma.

ciak-1993-07-shane-black-b

Shane  Black

Nato in Pennsylvania nel 1962 e laureatosi presso l’UCLA, la leggendaria università californiana del cinema che ha coccolato talenti del livello di Martin Scorsese e Francis Coppola, Shane Black è cresciuto divorando i classici anni Trenta-Quaranta e i fumetti più assortiti.

Una volta terminato il college, l’irrequieto giovanotto sopravvive masticando i tipici cento mestieri dell’aspirante creativo. Il contatto preliminare con il pianeta di celluloide avviene poco tempo dopo, quando per parecchie settimane tenta inutilmente di piazzare una sceneggiatura scritta a quattro mani insieme a un amico. La storia, The Shadow Company, è una via di mezzo tra un film bellico e un horror-movie.
Niente da fare. Nessuno pare interessato all’offerta. Da quel momento Shane cambia tattica. Si chiude in casa per un paio di mesi a “cucire” da cima a fondo, senza quasi respirare, il copione di Arma letale (Lethal Weapon, 1987), titolo e pellicola che gli daranno il primo, profondo brivido di gloria.

Il progetto viene ceduto alla Warner Bros per 250.000 dollari, una bazzecola se si pensa all’enorme successo che l’avventura degli agenti Martin Riggs e Roger Murtaugh riscuoterà ovunque. Eppure, nonostante l’ottimo trampolino di lancio, i guai di Black cominciano già al secondo stadio.
Quando stende la versione iniziale di Arma letale 2 (Lethal Weapon 2, 1989), ha la cattiva idea di voler sopprimere l’eroe Mel Gibson nel bel mezzo della parabola. Ovviamente la produzione si oppone, ma l’autore, anziché abbozzare, preferisce gettare la spugna. Segue un paio di anni di sofferto silenzio, finché, siamo nel 1990, il determinato Shane lancia sul mercato un thriller ambientato nel mondo delle partite di football truccate.

Trattasi di L’ultimo boy-scout (The Last Boy Scout, 1991), diretto poi da Michael Lehmann, un boccone che gli agenti Bill Block e David Greenblatt sventolano sotto il naso dei produttori invitandoli a prendere o lasciare nel giro di 72 ore al massimo. La mossa, nell’ultimo biennio prassi abituale a Hollywood (vedi il caso clamoroso di Joe Eszterhas), talora può riuscire a strappare compensi vertiginosi. Per comprare la sceneggiatura di Black la Geffen Company staccò un assegno di 1 milione e 750.000 dollari.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

5 pensieri su “[1993-07] Shane Black su “CIAK”

  1. Pingback: The Predator (2018) Nuove foto | 30 anni di ALIENS

  2. Pingback: The Predator (2018) Foto dal set | 30 anni di ALIENS

  3. Pingback: Predator 4: Promotional Artwork (2014) | 30 anni di ALIENS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...