30 anni di ALIENS

Predator: Long Tall Duke

«Havin’ me some fun tonight. hiiiiii»

Il diavolo tentatore Evit, del blog “Doppiaggi Italioti“, per caso l’altro giorno si è trovato a vedere in TV Predator (1987) e mi ha scritto due tweet che suonano all’incirca così:

  1. Duke sta cantando Long Tall Sally.
  2. In VHS, cosa grida Schwarzy mentre scivola in acqua?

Andiamo con ordine.

La VHS

Prima di rispondere alle domande di Evit ho riversato in digitale la mia VHS CBS-Fox 1990 del film, una cassetta risalente al glorioso periodo della collana “Silver & Gold” che comprai all’epoca della sua uscita. (Al prezzo di 20 o 25 mila lire, purtroppo non ricordo bene.)

La durata del film è di 102 minuti, esattamente come quella dell’edizione in DVD e questo è strano: di solito in VHS la diversa velocità dei fotogrammi per secondo “allunga” leggermente i film, ma mi riprometto di indagare in seguito.

La schermata rossa

La differenza più evidente tra la VHS e il DVD è l’aggiustamento del colore nella schermata iniziale.

Come si vede, oltre ad un finto Widescreen (a me sembra infatti un 4:3 tagliato!) in fase di digitalizzazione il cielo è stato pesantemente manomesso: è stato un buon lavoro ma hanno stravolto troppo un celebre incipit. Per anni ho visto Schwarzy fumare “in rosso”, e per fortuna ho conservato la VHS perché è una scena andata persa…

Long Tall Sally

Se Apocalypse Now (1979) di Coppola  è diventato famoso per la scena degli elicotteri che piombano sulla giungla al suono della Cavalcata delle Valchirie di Wagner, Predator ha saputo degnamente rispondere con una scena molto simile… ma con in sottofondo Long Tall Sally (1956) di Little Richard.
Il brano si sente quando i protagonisti arrivano nella foresta e poi viene interrotto quando inizia l’azione, per non tornare più… E invece no: torna!

Superata l’ora di film, troviamo il personaggio del sergente Mac Eliot (il mitico Bill Duke) che, con il cuore a pezzi per la perdita del suo compagno d’avventure Blain (Jesse Ventura), si avventa in modo folle contro il Predator, spogliandosi dei vestiti e delle munizioni per correre più agilmente.
Durante questa “svestizione” bofonchia qualcosa di vago, a cui onestamente non avevo mai dato importanza: è il semplice delirio di un uomo folle di rabbia, mi sono sempre detto. E invece Evit mi ha fatto prestare attenzione alle parole.

«She got everything that uncle John need»

L’ottimo doppiatore italiano Piero Tiberi (stando al sito di Antonio Genna) rende perfettamente la voce di un uomo fuori di sé, che corre nella giungla e quindi ha il fiatone che gli spezza la voce. Mentre il tema di Alan Silvestri incalza, sentiamo Mac dire:

«Sally è alta e bella, com’è dolce Sally. E tutte quelle cose che fanno felice zio John. Baby, voglio godermela con te, voglio godermela con te

E ripete più volte l’ultima frase. Giuro che non ci avevo mai fatto caso, dando per scontato che fossero semplici vaneggiamenti, invece è una interpretazione del testo di Little Richard.
Ecco cosa dice in originale:

«Long tall Sally, she’s built sweet. She got everything that uncle John need. Oh, baby, I’m gonna have me some fun.»

Ed ecco la strofa principale della canzone di Little Richard.

Well long, tall Sally
She’s built for speed, she got
Everything that Uncle John need, oh baby,
Yeah baby, woo baby, Havin’ me some fun tonight yeah

Non è proprio uguale, ma siamo lì. Però nell’edizione in VHS l’audio è così confuso che le parole di Mac si distinguono poco, e solo ora che so cosa dice le ho capite: tanto è forte il rumore di fondo che il nome di Sally neanche si capisce.

La discesa di Schwarzy

All’altezza di 1 ora e 14 circa, nel fuggire dal Predator Dutch (Arnold Schwarzenegger) inciampa e comincia a scivolare tra le liane fino a cadere in acqua. E cosa dice Schwarzy in questo momento? Grida un bel «Shit!».

«Shhhhhhit!»

In questo caso la VHS e il DVD coincidono: nessuno dei due doppia l’imprecazione.

L.

– Ultimi post simili: