[1988-07] Aliens: Book I (Outbreak)

Cover di Mark A. Nelson

Cover di Mark A. Nelson

Il 23 febbraio 1990 Italia1 trasmetteva per la seconda volta (la prima era stata il 22 novembre 1988) Aliens. Scontro finale… e la mia vita cambiò per sempre.
Aliens1cLa prima volta avevo solo potuto sbirciare il film, mentre lo vedeva mio padre: io avevo il “divieto” di vedere film horror perché mi “agitavano”. Finalmente alla veneranda età di 16 anni, quel 1990, riuscii a vedere “ufficialmente” (e non di nascosto come era mio solito) un film horror… e che film!
Non so spiegare quanto i miei occhi si riempirono della bellezza delle immagini sgranate di Aliens, con la pellicola di grana grossa e l’immagine quadrata che Italia1 trasmetteva sul mio vecchio Blaupunkt catodico: ero conquistato dal mondo alieno, e la febbre non mi è passata mai più.

Passa un anno e, nell’aprile 1991, bazzicando come al mio solito il giornalaio del quartiere mio padre attira la mia attenzione su un fumetto che l’edicolante sta tirando fuori da una scatola: sarà mica legato al film?
Non lo sapevo ancora, ma quel giorno la mia febbre aliena stava per esplodere per la seconda volta, perché la PlayPress presentava quasi per caso “Aliens. Dieci anni dopo”, la versione italiana – tradotta da Alessandro Bottero – dello stupendo Aliens. Book I (Dark Horse Comics 1988) di Mark Verheiden.
All’epoca stavo leggendo tutte le storie arretrate di Tex ed ero diventato un violento lettore-collezionista di Dylan Dog: insomma, ero un bonellide, e i fumetti americani non mi piacevano. Tutte quelle vignette fuori forma, tutti quei riferimenti che non capivo… però per Aliens feci uno strappo alla regola, perché stavolta capivo bene i riferimenti. Cominciai a leggere e… ne sono rimasto folgorato.

Aliens1eCon i disegni grezzi ma efficacissimi di Mark A. Nelson, Verheiden dal maggio 1988 racconta i personaggi del film di James Cameron dieci anni dopo i titoli di coda. Siamo ancora nel periodo paradisiaco in cui non esiste Alien 3 e in cui Newt ed Hicks sono personaggi mitici che tutti vorrebbero vedere in mille altri film… prima che la Fox decida di sterminarli.
Newt è cresciuta e ovviamente la sua psiche non è in ottime condizioni: sogna alieni e – come tutti noi avremmo scoperto di lì a poco – sognare alieni significa che gli alieni stanno arrivando…
Hicks è uno sfregiato che tutti detestano perché è un militare severo e inflessibile, ma è quel tipo di militare che ti allena a restare in vita. Ed allenerà la squadra di Colonial Marines ingaggiata per raggiungere il pianeta madre degli alieni, con il senso di colpa di lasciare la povera Newt nella casa di cura dove è tenuta praticamente prigioniera: vari eventi faranno sì che i due saranno di nuovo uniti contro gli xenomorfi. Permettetemi di non dire di più, perché è una storia troppo bella per sprecarla in poche parole. (All’epoca scrissi addirittura una novelization del fumetto, ma ovviamente non l’ha letta nessuno!)

Hicks e Newt incontrano un Pilota... prima che Ridley Scott fottesse il personaggio in "Prometheus"...

Hicks e Newt incontrano un Pilota… prima che Ridley Scott fottesse il personaggio in Prometheus

Dopo che l’Apocalisse Alien 3 si abbatté su Newt ed Hicks, facendo morire due dei migliori personaggi di sempre, la Dark Horse Comics si chiese: come facciamo a ristampare Aliens. Book I con Newt ed Hicks… quando ora tutti sanno che sono morti e che la storia ha preso altre (deliranti) strade? Semplice… chiamiamoli Billie e Wilks

La terribile "rinominazione"

La terribile “rinominazione” del 1992: Newt ed Hicks diventano… Billie e Wilks!

Steve Perry - Aliens 1La prima fase della “rinominazione” avviene nello stesso 1992 in cui il terzo film imperversa al cinema, quando Aliens. Dieci anni dopo di Verheiden finisce in mano all’ottimo novellizzatore Steve Perry che lo trasforma in romanzo: Aliens. Earth Hive, che la stra-maledetta Sperling & Kupfer (orripilante casa editrice che compra ottimi libri per il semplice piacere di seppellirli e farli sparire da tutti i cataloghi) porta in Italia nel 1998 con il titolo Aliens. Il nido sulla terra (con la traduzione di Gisella Bianchi).
Segue nel 1996 la raccolta in volume della serie di Verheiden che verrà di nuovo raccolta (e colorata!) nel 2007 con Aliens Omnibus 1: in entrambi questi casi da Aliens. Book I si passa al titolo Aliens. Outbreak. Sia nel romanzo di Perry che nelle due versioni in volume del fumetto di Verheiden i nomi sono cambiati…
Si torna al formato originale, con nomi veri e in bianco e nero, nell’aprile 2016 con il volume celebrativo dei 30 anni.

Particolare della prima cover originale

Particolare della prima cover originale

Nel 1991 Mario Ferri dà vita ad una collana della PlayPress che conoscerà alterne vicende, che negli anni a venire uscirà un po’ a casaccio ma presenterà il meglio del meglio, dal mondo xenomorfo, e sebbene la distribuzione ci ha fatto soffrire, noi fan dobbiamo solo che ringraziare con la faccia per terra per aver avuto la possibilità di leggere in italiano questi piccoli capolavori.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

17 pensieri su “[1988-07] Aliens: Book I (Outbreak)

  1. Cambiare i nomi di Newt ed Hicks è un colpo al cuore pari quasi a quello di averli uccisi in Alien 3, mamma mia che spreco. Invece ti ringrazio molto per questa segnalazione, scritta con il cuore in mano, si vede la passione anche da qui, peccato che solo tu abbia capito il potenziale della storia, che poteva essere meglio di tanti sequel Alieni. Cheers!

    Liked by 2 people

  2. Pingback: [1989-08] Aliens Book II (Nightmare Asylum) | 30 anni di ALIENS

  3. Pingback: [1990-06] Aliens: Book III (Earth War) | 30 anni di ALIENS

  4. Pingback: [1992-04] Dark Horse Presents: Aliens | 30 anni di ALIENS

  5. Pingback: [1992-07] Alien 3 (novelization) | 30 anni di ALIENS

  6. Pingback: [1991-11] Aliens Genocide | 30 anni di ALIENS

  7. Lo scoprii piuttosto tardi grazie ad un amico appassionato di giochi di ruolo, forse il primissimo comic su Alien (se non contiamo l’adattamento a fumetti di Simonson).

    Dopo aver letto la parte che hai scritto sulla prima visione su reti italiane adesso credo di avere una certezza, fui testimone (senza rendermene conto) della prima messa in onda italiana del film, ma avevo 5 anni e tempo dopo ricordavo solo vaghe sequenze di un grande mostro dentuto che inseguiva una donna su un ascensore e l’illuminazione era tendente all’azzurrino.
    Non ci pensai più fino al 1994, quando finalmente lo (ri)vidi in prima serata, così collegai quella creatura vista nella pubblicità della novelizzazione a fumetti del terzo film e quei ricordi fumosi.

    Tornando ad Outbreak, i disegni non mi dispiacciono, nudi e crudi, come lo stile del franchise, i personaggi e le creature sono rappresentati piuttosto bene e la trama é intrigante.
    Anche se sono un’estimatore del terzo episodio cinematografico questa storia sarebbe stata una meravigliosa continuazione degli eventi di ALIENS, ho apprezzato anche l’ipotesi degli xenomorfi come creature al centro di un’ecosistema e quindi non esseri artificiali.
    Finale tragico con la terra in balia dell’infestazione e i personaggi che si salvano per un pelo, rimasi pienamente soddisfatto, se solo tutti i comics venuti dopo avessero mantenuto lo stesso standard qualitativo…

    Liked by 1 persona

    • L’artificialità degli xenomorfi credo sia un’invenzione recente di Ridley Scott, in tanti anni li ho sempre considerati semplici forme di vita diverse e non ricordo mai nulla che mi avesse dato indizi contrari.
      Ho amato potentemente questa trilogia di Verheiden (in realtà solo i primi due episodi, perché il terzo è potente ma disegnato in modo infernale) e sebbene in modi diversi ho ritrovato ancora altre storie splendide, come racconto ormai da anni ogni domenica su “Fumetti Etruschi” e come ho ricominciato a raccontare su questo blog 😉

      Mi piace

  8. Si, Oubreak e Nightmare Asylum due capolavori sia a livello artistico che di storia (ottimi anche gli adattamenti di Steve Perry)

    In Earth War forse si salva qualche primo piano disegnato con cura, ma al 98% é una tortura visiva, tratto febbrile, personaggi grotteschi, roba da pulp comic di terz’ordine, degli scarabocchi senz’anima.
    La sceneggiatura poi é ridicola, mi immaginavo una conclusione epica in questo presunto pianeta madre degli xenomorfi, e quante aspettative riponevo nello scontro di Ripley con la loro imperatrice, invece come finivo di leggere un albo provavo solo imbarazzo.

    La teoria dell’origine artificiale venne a molti in quanto gli xeno non sembrano essere creature capaci di integrarsi in un’ecosistema come fanno i normali predatori, uccidono e infettano qualunque creatura gli capiti a tiro, rimanendo poi senza prede.
    Già solo il film di Cameron ci mostra una situazione simile, lo sciame di xeno su Lv426 aveva annientato tutti i coloni di Hadley’s Hope (tranne Newt) autocondannandosi a una morte per fame (ammesso che si nutrano)

    Liked by 1 persona

  9. Pingback: Aliens: il nido sulla Terra (1992) | 30 anni di ALIENS

  10. Pingback: Cronologia Aliena | 30 anni di ALIENS

  11. Pingback: Fumetti alieni in Italia nel 2017 | 30 anni di ALIENS

  12. Pingback: [1991-02] Predator 2 (Novelization) | 30 anni di ALIENS

  13. Pingback: [1996-12] Aliens: Lovesick | 30 anni di ALIENS

  14. Pingback: [1997-09] Aliens: Alchimia (Alchemy) | 30 anni di ALIENS

  15. Pingback: [2016-01] The Complete Aliens Omnibus 1 | 30 anni di ALIENS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...