[2014-09] Prometheus: Fire and Stone

Cpver di David Palumbo

Cpver di David Palumbo

Continua il ciclo di storie intrecciate fra varie testate della mitica Dark Horse Comics: Prometheus, Aliens, Predator ed AvG (Alien vs Predator) tutte insieme per la saga “Fire and Stone”.
Dopo la tappa di Aliens, ecco il turno di “Prometheus. Fire and Stone“.

Capitano Angela Foster

Capitano Angela Foster

Data astrale 7 aprile 2090. Una sonda ha uno strano incidente mentre analizza LV-223, una delle tre lune del pianetoide Calpamos nel sistema Zeta 2 Reticuli: ormai lo conosciamo già, visto che l’abbiamo già incontrato in Aliens. Fire and Stone (che, lo ricordo, inizia il 3 luglio 2179)
Dopo l’incidente della sonda, saltiamo al 14 gennaio 2219 – quarant’anni dopo il naufragio dei fuggiaschi di Hadley’s Hope su LV-223 letto sul citato primo numero di Aliens – e incontriamo l’astronave Helios pronta a sbarcare sulla luna di Calpamos con la missione ufficiale di recuperare un relitto: «We land, we salvage, we go home, get rich and eat better food.» Atterriamo, salviamo, torniamo a casa più ricchi e mangiamo cibo migliore.Le ultime parole famose…

Al di là della missione ufficiale, il capitano Angela Foster confessa al diario personale di bordo che ha fatto di tutto per essere a capo della missione, e il motivo è semplice: vuole seguire le orme di Sir Peter Weyland che nel 2093 scese su LV-223 per incontrare gli esseri che lui chiamava Ingegneri, con l’intento di scoprire la vera origine del genere umano.
In una parola, Angela Foster vuole continuare la missione del film Prometheus – in cui Peter Weyland è interpretato dal bravo (ed irriconoscibile) Guy Pearce.

L’astronave Helios si avvicina a LV-223

L’astronave Helios si avvicina a LV-223

Il capitano Foster comanda un gruppo di piccole navicelle che partono dalla Helios ed atterrano contemporaneamente su LV-223.
Facciamo così la conoscenza della giovane Clara Atkinson (che sta girando un video-documentario della missione), l’astrobiologo Francis Lane (desideroso di farsi notare alla Weyland-Yutani con qualche “miracolo” scientifico) e l’ufficiale della sicurezza Galgo Helder (il Rambo della situazione). Questi – insieme al medico di bordo James Weddel – sono i nomi dei protagonisti che ci accompagneranno durante la saga.

Navicella usata dai sopravvissuti di Hadley’s Hope per fuggire da Acheron

Navicella usata dai sopravvissuti di Hadley’s Hope per fuggire da Acheron

Passata la sorpresa di scoprire un pianeta dalla vegetazione rigogliosa e dalla strana vita animale – con scimmie e formiche che assomigliano incredibilmente ai celebri xenomorfi – in questa prima avventura la scoperta sul pianeta è gustosa: la navicella con cui i sopravvissuti di Hadley’s Hope sono fuggiti da Acheron (LV-426), come abbiamo visto in Aliens. Fire and Stone. Cosa sarà successo loro nei quarant’anni che separano le due storie?
Prima delle indagini… è il momento morire!

Prometheus2b
Prometheus. Fire and Stone 2 si apre con l’apertura di una nave piena di Aliens che, per loro natura, non sono proprio creaturine socievoli. Non servono molte vignette perché dei molti uomini della Compagnia non ne rimangano molti. Alcuni sono aggrediti dai facehugger altri cadono nel mare alieno… pieno di squali alieni! (Una trovata grafica davvero di grande effetto, stupenda!)

Prometheus2a
Mentre il capitano Foster riesce a riportare quasi tutti i suoi uomini sulla nave, rendendosi conto che due sono rimasti sul pianeta alieno organizza una missione per recuperarli. Saranno invece proprio loro a contattarli dal luogo dove hanno trovato riparo: una grotta evidentemente abitata  da un essere umano… un certo Derrick Russell!

Prometheus2d
L’aggancio con il protagonista del precedente episodio Aliens. Fire and Stone serve per informare i nostri eroi, ottant’anni dopo,  che lo strano liquido nero (visto anche nel film di Ridley Scott) è un accelerante… «universe-changing Material», roba che modifica l’universo…
Il film Prometheus finiva con la nave aliena che crollava su LV-223 e, nel frattempo, il liquido nero è fuoriuscito e da una luna morta ed arida ha creato un ecosistema florido.
Ci sono possibilità illimitate per quel fluido miracoloso… perché allora non provarle su un essere umano? Mentre nel relitto alieno (sì, proprio quel celebre relitto alieno conosciuto con il primo film di Alien) gli uomini di Foster trovano uno strano fucile, Galgo ed Elden, i due superstiti nella grotta di Russell, sperimentano ciò che non andrebbe mai sperimentato…
Elden però è un construct, una “persona artificiale”, ed è quindi solo la sua parte biologica che viene “accelerata” dal black goo.

Intanto il capitano Angela Foster torna sulla superficie per cercare i suoi due uomini dispersi, ma la nave con cui sono atterrati – la Helios – viene ben presto “visitata” dai cari vecchi Aliens. Recuperato almeno Francis, il gruppo decide di tornare alla base ma… entrare nella Helios superando uno sbarramento alieno sarà tutt’altro che facile.

I "padroni di casa" si autoinvitano

I “padroni di casa” si autoinvitano

L’unico modo per rientrare nella Helios sigillata e circondata da alieni è mandare Galgo a recuperare la Perses e, con quella, fare fuoco sui mostri per metterli in fuga. Appena salito a bordo con due compagni, e resosi conto che la Helios e gli altri commilitoni stanno per essere inondati da un fiume di creature aliene, prende una decisione sofferta ma inevitabile: quando il capitano Foster lo chiama per radio, la risposta è un semplice «Buona fortuna… e addio».
In fondo Galgo e l’altro equipaggio della Helios ha un appuntamento con le altri parti della saga Fire and Stone

Quando giri in un pianeta alieno, puoi incontrare un Ingegnere!

Quando giri in un pianeta alieno, puoi incontrare un Ingegnere!

Galgo decolla da LV-223 lasciando i suoi compagni nei guai: il capitano Angela Foster e l’équipe di recupero fuori dalla Helios mentre all’interno dell’astronave non è che se la passino meglio, visto che il sintetico Elden trasformato ha aperto le porte agli Aliens.
Siamo allo showdown finale, con gli Aliens che si lanciano al massacro e gli umani che cercano di sopravvivere, mentre Elden si prepara a partire per raggiungere nello spazio la sua vendetta personale.

Laboratorio degli Ingegneri

Laboratorio degli Ingegneri

Intanto il capitano Foster e pochi superstiti scoprono il Relitto alieno, con tanto di laboratorio dove gli Ingegneri creano e studiano la vita. Angela troverà rifugio nella grotta che decenni prima è stata abitata dal Derrick di Aliens, mentre non sa ancora che potrà rifarsi su Galgo, più avanti…

È stata una saga che forse da sola avrebbe lasciato insoddisfatti, ma calata nel grande progetto Fire and Stone è davvero deliziosa: non resta che aspettare la chiusura degli altri cicli.

Chiudo con la cover gallery:

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

8 pensieri su “[2014-09] Prometheus: Fire and Stone

  1. Pingback: Intervista a Paul Tobin (2014) | 30 anni di ALIENS

  2. Pingback: Alien vs Predator – Fire and Stone (2014) | 30 anni di ALIENS

  3. Pingback: Predator: Fire and Stone (2014) | 30 anni di ALIENS

  4. Pingback: [2016-06] Prometheus: Life and Death | 30 anni di ALIENS

  5. Pingback: Cronologia Aliena | 30 anni di ALIENS

  6. Pingback: Fumetti alieni in Italia nel 2017 | 30 anni di ALIENS

  7. Pingback: Alien: Covenant (2017) Recensione nuclearizzata | 30 anni di ALIENS

  8. Pingback: Alien: Covenant (2017) Recensione nuclearizzata | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...