Alien Isolation: recensione

Alien Isolation xbox-360Uno dei visitatori più assidui dei miei blog, Denis, ha appena completato il videogioco alieno della Xbox ed è stato così gentile da raccontarcelo: gli cedo subito la parola, ringraziandolo per la disponibilità.

Alien Isolation, versione per Xbox 360

Versione testata: PAL UK Nostromo Edition (tranquilli è multilingua, doppiato in italiano).

Alien Isolation 0

Una figlia in cerca della madre

Trama: 15 anni dopo il disastro della Nostromo, la giovane Amanda Ripley viene mandata sulla stazione spaziale di Sevastapol da cui non arrivano più notizie.

Tipologia gioco: il gioco è un survival horror in prima persona, in cui bisogna centellinare armi e munizioni. L’Alien
è praticamente invincibile e si può solo cercare di evitarlo, nascondendosi negli armadietti o nelle zone buie, o allontanarlo con il fuoco (bombe molotov o lanciafiamme).

Alien Isolation 1
Considerazioni personali: il gioco presenta un’ottima ricostruzione retro futuristica proprio come il film del 1979, visto che i creatori della Creative Assembly hanno potuto supervisionare il materiale originale, ricreando fedelmente gli ambienti asettici, ed usare rumori di scena e alcuni brani della colonna sonora originale di Jerry Goldsmith.
Presenta un ritmo di gioco lento e ragionato, in cui dovrete perlustrare l’ambiente in cerca di oggetti da assemblare (medikit, vari tipi di bombe, munizioni), audio nastri da ascoltare (come Bioshock),
monitor da guardare per i numeri di password e per aprire portelli chiusi. Stando al contempo sempre attenti agli umani impazziti e ai sintetici.
Bisogna tenere sempre sotto controllo il motion tracker (tracciatore di movimento) per evitare lo xenomorfo, che passa dai condotti: se siete in un armadietto e non tenete il grilletto sinistro per il respiro, lo apre e vi uccide all’istante.

Alien Isolation 2

La morte dietro ogni angolo

Il gioco è costruito su una tensione costante e non su jump scare (salti sulla sedia), presenta un marcato backtracking (tornare sui propri passi), la trama è un ottimo fan service: le uova da cui escono i facehugger, i corpi sventrati, un flashback
sul pianeta dove veniva infettato il povero John Hurt, la scatola nera della Nostromo con il messaggio che Ellen Ripley recitava alla fine del film.
I difetti sono alcuni bug: alcune volte il framerate (immagini al secondo) cala muovendosi a scatti, qualche volta dopo che avete ricaricato un salvataggio. Alcuni punti di salvataggio sono troppo lontani, se fosse durato meno, il ritmo di gioco ne guadagnava.
Comunque al netto di alcuni difetti si tratta di un vero must per i fan di Alien, dotati di molta pazienza perché si muore spesso e rifare lunghi corridoi non è sempre piacevole, ma rimane uno dei migliori giochi tratti da film per Xbox 360, assieme a Ghostbusters e Riddick.
Giger approva.

Alien Isolation 3

Xenomorfo

Il modello poligonale dell’Alien è ottimo, e l’intelligenza artificiale lo fa sembrare un assassino da slasher che gioca al gatto con il topo con la final girl di turno, insomma un archetipo da fiaba horror con forti connotazioni sessuali, già presenti nelle opere di Hans Rudi Giger.

Buon Facehugger a tutti!

Denis

– Ultimi post simili:

Annunci

18 pensieri su “Alien Isolation: recensione

  1. Grazie!!!
    Comunque una delle teorie sul film Alien e che un film che riguarda lo stupro,oppure un ‘incubo generato dall’ipersonno infine un’altro tema e che per la multinazionale Weyland Yutani si è tranquillamente sacrificabili.
    Le opere che preferisco sono quelle a multistrato con più domande che risposte.

    Liked by 1 persona

    • Infatti nei primi Alien Comics si punta molto sulla Compagnia intangibile e quasi invisibile ma che tratta le persone come pedine su una scacchiera, dove tutti sono sacrificabili in nome del profitto che può garantire l’alieno. La Dark Horse ha inventato la Xeno-Zip, droga sintetizzata dalla pappa reale della Alien Queen e così ecco che la Compagnia ha ulteriori fonti di guadagno a cui sacrificare le persone.
      L’alieno falliforme e Ripley in mutandine è davvero un’immagine che non ha bisogno di spiegazione 😉

      Mi piace

  2. Pingback: Aliens: Defiance (2016) 1 | 30 anni di ALIENS

  3. Pingback: Enslaved – Odyssey to the West | Il Zinefilo

  4. Pingback: Aliens – Defiance (2016) 4 | Fumetti Etruschi

  5. Probabilmente il migliore videogioco di ALIEN di tutti i tempi.
    Grafica mozzafiatante, cura dei particolari maniacale, ambientazione da brividi e un nemico spietato che non ti dà un attimo di tregua.
    Finito due volte su Ps3, niente male anche i DLC.

    Liked by 1 persona

    • Argh, devo assolutamente giocarci! Il problema è che sono una schiappa totale coi videogiochi e sono sicuro che l’alieno mi ammazzerebbe tipo mille volte.. Però respirare quelle atmosfere è un richiamo troppo forte.
      Considera che io ho fatto non so più quante volte Aliens vs Predator (1, 2, ed estensioni varie) solo per provare la sensazione di stare negli stessi ambienti dei film. E ti parlo di tempi in cui la grafica era zero in confronto ad oggi!

      Mi piace

      • Guarda qualche mese fa hanno addirittura introdotto due nuove difficoltà, quella Incubo (troppo oltre le mie capacità) e quella Novizio, che forse potresti provare, l’A.I. dell’alieno è un pò più permissiva rispetto a Facile.

        Anche io ho giocato i due AvP per PC, grandi giochi (il primo giocando nei panni del Marine era difficile quanto Alien Isolation) li possiedo ancora.
        Aliens vs Predator del 2010 e Aliens Colonial Marines li hai provati ?

        Liked by 1 persona

  6. Pingback: Amanda Ripley: questa sconosciuta | 30 anni di ALIENS

  7. Pingback: Aliens – Defiance (2016) 6 | Fumetti Etruschi

  8. Pingback: Aliens – Defiance (2016) 7 | Fumetti Etruschi

  9. Pingback: Aliens – Defiance (2016) 8 | Fumetti Etruschi

  10. Pingback: [2017-01] Aliens: Defiance TPB 1 | 30 anni di ALIENS

  11. Pingback: Aliens – Defiance (2017) 9 | Fumetti Etruschi

  12. Pingback: Cronologia Aliena | 30 anni di ALIENS

  13. Pingback: Fumetti alieni in Italia nel 2017 | 30 anni di ALIENS

  14. Pingback: [2016-12] Aliens vs Predator: Life and Death | 30 anni di ALIENS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...